Domenica, 19 Febbraio 2012 18:53

George Clooney. Insonnia e antidolorifici

Scritto da

LOS ANGELES - Si è cominciato a parlare della dipendenza dagli antidolorifici  dopo la morte di Michael Jackson per scoprire che molti divi di Hollywood, ultima Whitney Houston,  ne sono vittime.

Dall'intervista recentemente  rilasciata da George Clooney a Hollywood Reporter l’attore si dice insonne, imbottito di antidolorifici e, udite udite, solo. Ha detto di provare solitudine nonostante gli amici e la fidanzata, l'attrice americana e wrestler Stacy Keibler, che frequenta dall'estate 2011. "Ti senti particolarmente solo quando sei in pubblico; vai in un posto e subito ti sembra di essere rinchiuso e non ti godi più la serata come tutti gli altri" – parola di Gorge -  "mi sono sentito infinitamente più solo in una relazione sbagliata: non c'è niente che ti faccia sentire peggio".

E non è tutto: l'attore candidato all'Oscar come migliore attore protagonista per il film "Paradiso amaro" beveva molto. E in passato ha fatto uso di cocaina."Un tempo bevevo troppo - ha rivelato Clooney - ci sono state delle volte nella mia vita in cui ho oltrepassato la linea che separa il bere per divertimento dal bere fino a notte fonda senza un motivo. Ma è da Capodanno che non bevo più". Oggi la vera dipendenza è causata dagli antidolorifici: Clooney soffre di un dolore cronico alla schiena dovuto a una caduta sul set di "Syriana", girato nel 2005 e soffre anche di insonnia. Nonostante vada a letto molto presto - verso le dieci – dice di alzarsi  almeno cinque volte ogni notte; se non ha la televisione accesa, poi, non riesce nemmeno a riprendere sonno.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]