Sabato, 08 Dicembre 2012 13:46

Olio d’oliva. Stop a quello col passamontagna

Scritto da

ROMA - E’ in arrivo un metodo di analisi molecolare dell’olio basato sull’impiego di marcatori DNA In un mercato globalizzato in cui  si spacciano come made in Italy i pomodori cinesi, il gorgonzola dalla Svezia il “pamesao” dal Brasile, il sugo di San Marzano dagli USA e il Salam Napoli dalla Romania era urgente uno stop all’olio con il passamontagna.

“Le frodi – ha dichiarato il presidente dell'Unaprol Massimo Gargano -mettono a rischio un patrimonio ambientale di oltre 250 milioni di piante sul territorio nazionale che assicura un impiego di mano d'opera per circa 50 milioni di giornate lavorative all'anno con un fatturato di oltre 2 miliardi di euro”

 Con i metodi di analisi classici non è possibile identificare l’origine e la composizione varietale dell’olio ma con  la legge “salva made in Italy” in via di approvazione in Parlamento e  con i nuovi metodi di analisi messi a punto da Università  e CNR di Perugia, sarà  molto più difficile fare giochi di prestigio con l’olio extra vergine d’oliva. Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Maurizio Servili, Luciano Cruciali dell’Università di Perugina e Luciana Baldoni del Cnr ha testato nuovi metodi di analisi per  distinguere l’origine e le diverse varietà presenti negli oli extra vergini d’oliva. La ricerca Unaprol-Mipaaf , in particolare, ha permesso di sviluppare un metodo di analisi molecolare dell’olio basato sull’impiego di marcatori DNA. Con questa procedura si è in grado di distinguere varietà d’olivo non italiane dei Paesi dai quali vengono importate grandi quantità di olio. Il metodo è stato applicato su diversi campioni di origine italiana consentendo di accertare l’assenza di contaminazione con varietà provenienti da Spagna, Grecia e Tunisia. I dati raccolti ed elaborati, relativi agli aspetti in grado di discriminare l’origine degli oli, verranno gestiti attraverso un sistema di gestione (GIS) che consentirà, tramite interrogazione, di collocare il prodotto da un  punto di vista geografico. L’applicativo GIS appare lo strumento più efficace per la gestione delle informazioni di natura diversa e per incrociare le informazioni derivanti da data base relativi alla tracciabilità  tradizionale.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]