Martedì, 30 Luglio 2013 21:54

Parmigiano Reggiano. La Russia tutela la denominazione

Scritto da

ROMA - Il Parmigiano Reggiano, il formaggio italiano noto  e apprezzato in  tutto il mondo è più di ogni altro oggetto di contraffazioni e imitazioni  per cui è stata accolta con molta soddisfazione da parte dell’ononimo Consorzio la notizia che le autorità russe hanno accolto  la richiesta di  registrazione del Parmigiano Reggiano come Denominazione di Origine su tutto il territorio della Federazione Russa, ottenuta il 19 giugno scorso e pubblicata sul Bollettino Ufficiale del Servizio federale di proprietà intellettuale il 12 luglio 2013.


 L’iniziativa è stata presentata alla stampa italiana, a Roma, dal direttore generale del Consorzio  Riccardo Deserti. Erano presenti il segretario dell’Aicig- Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche Pier Maria Saccani, il direttore generale Promozione e qualità agroalimentare del ministero delle Politiche agricole Stefano Vaccari ed il direttore della Comunicazione di Auchan Roberta De Natale.
“Ora il nome Parmigiano Reggiano potrà finalmente essere pienamente tutelato anche nel territorio della Federazione Russa, sia nell’interesse dei produttori, sia dei consumatori di quel Paese”. Ha così commentato Riccardo Deserti, direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano, " Insieme ad una più serrata ed efficace lotta alle frodi - prosegue - possiamo puntare ad un deciso slancio degli investimenti delle imprese esportatrici e dello sviluppo dell'export di Parmigiano Reggiano.  Quella ottenuta in Russia è una protezione ampia; ora sarà impossibile l’uso di un nome geografico legato al Parmigiano Reggiano (es. Parma, Reggio Emilia), così come sono vietate le traduzioni  e  l’utilizzo in connessione con termini come genere, tipo, imitazione."



"In un mercato estero che per il Parmigiano Reggiano rappresenta 43.500 tonnellate, pari a un terzo della produzione annua, il mercato russo presenta grandi potenzialità - ha sottolineato  Deserti -  già oggi sono 26 le ditte esportatrici di Parmigiano Reggiano che hanno ottenuto l'autorizzazione all'export nella Federazione Russa. L'obiettivo - ha spiegato  Deserti  è ridurre i danni dell'agro-pirateria che oggi per noi in Russia sono stimati intorno ai 10 milioni di euro e arrivare a raddoppiare entro cinque anni l'export, raggiungendo i consumatori russi sia attraverso i canali specializzati in prodotti italiani di qualita', sia attraverso la grande distribuzione".
Le ditte esportatrici  di prodotti alimentari mostrano un'attenzione sempre maggiore alla Russia, sia per il numero dei consumatori (oltre 140 milioni di abitanti), sia per i nuovi bisogni che la classe media attenta al buon cibo. In particolare, per le produzioni alimentari dop è sentito il bisogno di creare condizioni efficaci di tutela della denominazione e contrasto alle contraffazioni. "Si tratta di una protezione ampia - ha continuato Deserti - ed è su questa base che puntiamo a mettere al riparo i produttori di Parmigiano Reggiano da pratiche illegittime e, nel contempo, permettere ai consumatori russi di compiere scelte trasparenti e consapevoli".

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]