Lunedì, 12 Ottobre 2015 09:26

Se vuoi una pizza perfetta cerca di non commettere questi errori!

Scritto da

ROMA - Ah la pizza … che passione e che bontà, in poco tempo può effettivamente risolverci una serata e poi ragazzi è un piatto così gustoso, chiunque potrebbe imparare e personalizzarla a suo piacimento, magari utilizzando ingredienti freschi che possono sempre fare la differenza.

In molti di voi avranno provato chissà quante volte a fare della pizza in casa, ma in tanti casi vi sarà venuta male, questo perché il rischio di commettere errori è davvero molto alto, ma non dovete disperare, sbagliando si impara, motivo per cui noi di http://www.ricettapizzanapoletana.it/ abbiamo deciso di regalarvi qualche consiglio per evitare che questi possano ripetersi in futuro!

Tanto per cominciare fate molta attenzione sulla farina, perché se sbagliate a scegliere quella giusta, tutto il resto sarà un grande flop, motivo per cui escludete una farina morbida, perché l'impasto non verrà ben lievitato e si romperà facilmente, ma non sceglietela nemmeno troppo dura, puntate su una via di mezzo e non avrete come risultato una pizza gommosa, provare per credere!

Occhio anche al fondere alcuni elementi, un esempio su tutti sarà rappresentato da sale e lievito che non dovranno mai essere a contatto tra di loro, il trucco sta nell'utilizzare due recipienti differenti per gestire questi elementi, che in un secondo momento andranno uniti alla farina.

Il riposo è fondamentale, non solo per noi esseri umani, ma anche per l'impasto della nostra pizza; ne serviranno ben due, di cui uno avverrà dopo aver creato la composizione e poi dopo 3 ore circa bisognerà rovesciare il tutto e dividerlo in panetti che verranno poi lasciati ad un'ulteriore lievitazione di circa 7 ore, il tutto al fine di mantenere l'impasto morbido e perfetto!

Non fate nemmeno l'errore di manipolare troppo l'impasto dopo il dovuto riposo, questo perché il movimento dovrà essere leggero ed il vostro obiettivo sarà quello di distendere il prodotto utilizzando i polpastrelli. Non usate il mattarello e non manipolate troppo l'impasto, altrimenti otterrete un effetto contrario ed il prodotto non si manterrà affatto morbido.

Non sottovalutate nemmeno la cottura, rischiereste di trovarvi tutto il lavoro di preparazione irrimediabilmente rovinato! Il rischio di avere un impasto bruciato o troppo duro è sempre dietro l'angolo. I forni casalinghi raggiungono temperature troppo basse ed allungano eccessivamente i tempi di cottura. E' vero che non tutti possono permettersi un forno a legna in casa (che rappresenta la soluzione migliore) ma in commercio esistono prodotti ad un costo contenuto che vi consentono di ottenere una cottura davvero ben fatta.

Ricordate che una pizza ben cotta non presenta bruciature, ha il pomodoro ancora denso, non secco, e sopratutto mantiene un impasto croccante al punto che sia possibile piegarlo a portafoglio senza che questo si spezzi.

Scegliete per bene anche la teglia e se deciderete di passarci su uno strato di mozzarella, non fate l'errore di metterla sulla pizza troppo umida, ricordate sempre che questa andrà prima scolata per bene, sia che si tratti di mozzarella classica che di mozzarella di bufala, quindi cercate di fare molta attenzione a questi particolari ed il risultato sarà quello di aver creato una pizza squisita e con un impasto davvero perfetto!

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]