Lunedì, 05 Settembre 2016 21:09

Presentato a Palazzo del Capitano di Orvieto l'ambizioso progetto “Orvieto diVino”

Scritto da

Si punta al rilancio nazionale ed internazionale del brand vinicolo e nello stesso tempo a valorizzare il vasto patrimonio  delle eccellenze artistiche, culturali, artigianali e gastronomiche del territorio. Ha aperto il convegno la dottoressa Patrizia Marin, docente allo IULM di Milano

ROMA - “Orvieto di Vino, nome che rappresenta l’importanza del prodotto e del territorio vuole essere un propulsore che partendo proprio dal vino si estenda fino ad abbracciare un intero discorso artistico, culturale, economico e turistico, con una serie di eventi in città a scadenza periodica di quello di oggi e solo il punto di partenza.Abbiamo anche un Comitato Scientifico capace di amplificare professionalmente in messaggio composto da illustri nomi come: Bruno Vespa, Giorgio Calabrese, Oscar Farinetti(che sarà’ presente ad un nostro incontro a Roma), Fiammetta Fadda, Patrizio Roversi, Enzo Vizzari e Riccardo Cotarella in qualità di coordinatore del comitato“.

Il progetto “Orvieto diVino”, è stato fortemente voluto da Riccardo Cotarella, presidente dell’Unione Mondiale degli Enologi, e lanciato all’unisono dal sindaco Giuseppe Germani e da Vincenzo Cecci, presidente del Consorzio Vino Orvieto, con  l’apprezzamento non solo delle istituzioni, da Catiuscia Marini, assessore regionale all’agricoltura dell’Umbria, e dall’on. Luca Sani, presidente della Commissione Agricoltura della Camera, ma anche dai massimi esperti e cultori nazionali dell’enogastronomia, riuniti nella Sala dei 400 del suggestivo Palazzo del Capitano del Popolo, per l’ illustrazione del programma di iniziative volte a riportare le peculiarità e le eccellenze della Rupe e del suo hinterland all’attenzione nazionale e internazionale. Insomma, un nuovo Rinascimento. E già si consolida l’ipotesi di dare vita ad uno Spumante Orvieto DOC.

Per il “Rinascimento” di Orvieto sono in preparazione azioni e iniziative volte a intercettare più destinatari, non solo in Italia ma anche all’estero, a partire dagli Stati Uniti, grazie anche  ad  un prestigioso comitato scientifico.

Al convegno del 4 settembre 2016 sono intervenuti: il marchese Piero Antinori (Marchesi Antinori), Fabio Vittorio Carone – Ruffino (enologo e responsabile commerciale Vino Orvieto), il nuovo presidente del Consorzio Vincenzo Cecci, il critico gastronomico per ‘Panorama’ e ‘Cucina italiana’ Fiammetta Fadda, il sindaco di Orvieto Giuseppe Germani, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il curatore della guida ‘I vini dell’Espresso’ Antonio Paolini e il direttore della guide ‘I vini e i ristoranti dell’Espresso’, Enzo Vizzari. e Patrizia Marin - Responsabile Comunicazione Consorzio Vino Orvieto, moderatrice dell’incontro

                               

    

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]