Venerdì, 28 Ottobre 2016 19:10

A Palazzo Benucci candidatura all'Unesco della Cultura del tartufo a patrimonio immateriale dell'umanità

Scritto da

Presenti Michele Boscagli, presidente dell'Associazione nazionale città del Tartufo-Anct e i sindaci delle città del tartufo

L'Associazione nazionale Città del tartufo (Anct) ha promosso l'importante evento che si è svolto a Roma, a palazzo Benucci il 26 ottobre 2016 per sostenere il processo di candidatura all’Unesco della 'Cultura del tartufo a patrimonio immateriale dell’umanità'.Il tartufo che  con il suo sistema di valori e di saperi  riesce a legare e unire l’Italia e si fa custode e simbolo di un patrimonio antico da tramandare e valorizzare.

 Sarà il  Ministero dei Beni culturali e Turismo. a designare, con l'annuncio dopo il 31 marzo 2017, della candidata italiana per il prestigioso traguardo Unesco  La richiesta di candidatura per la cultura del tartufo a cui si lavora da quattro anni  è attualmente al vaglio del Ministero assieme all'altra aspirante alla candidatura, il merletto italiano.

All'evento  hanno  partecipato rappresentanti delle istituzioni e della diplomazia, tra cui l’onorevole Rosy Bindi, Daniele Mancini, ambasciatore italiano alla Santa Sede, e Amr Helmy, ambasciatore egiziano in Italia, e personaggi della cultura, dello spettacolo e della moda come Marco Columbro, Marina Ripa di Meana e Anna Fendi.

All’evento,erano  inoltre alcuni dei 53 membri dell’associazione provenienti da 13 regioni italiane. Erano presenti infatti i Comuni di Alba (Cn), Norcia (Pg), Pietralunga (Pg), Valtopina (Pg), Fabro (Tr), Ascrea (Ri), Bondeno (Fe), San Pietro Avellana (Is) e San Giovanni d’Asso (Si). Notevole anche l’interesse e la presenza della stampa con giornalisti di calibro nazionale.

“Dopo quello che abbiamo promosso a Torino con la collaborazione della Regione Piemonte – ha spiegato Boscagli –, questo è sicuramente un evento fondamentale per il nostro percorso di candidatura. Stiamo cercando di focalizzare in varie parti d’Italia l’attenzione su questa domanda che ci auspichiamo possa essere portata all’Unesco a Parigi. Stiamo facendo di tutto per promuovere il nostro impegno che si protrae da quattro anni e che speriamo presto veda finalmente un traguardo. Il prodotto tartufo è conosciuto per i suoi aspetti gastronomici ma con questa richiesta di candidatura il pregiato fungo si lega non solo alla tavola ma anche alla cultura, quindi a conoscenze, saperi e tradizioni alla base del rapporto uomo, cane e ambiente che si tramandano di padre in figlio, da generazioni, attraverso una tradizione orale”.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]