Venerdì, 13 Aprile 2018 14:20

Sono il sogno e la paura

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La mia sensualità

viene da lontano

da inviolati boschi

popolati da lupi

con fauci mai sazie

che si cibano

di anime e cuori.

Il mio batte

coraggioso nel petto

lo proteggo e lo lascio

nelle tue mani

vi leggerai l’amore...

Fra le tue braccia

sarà al sicuro.

Vicino a te non ho paura

della solitudine, del dolore

del ritorno di un ricordo.

Mi dai la forza di fuggire

dagli anfratti cupi del tempo

che non concede soste.

Movimenti innocenti

diventano per te sensuali

questo mio corpo

rinnegare non posso

ladra mi chiamano

ma soltanto di parole...

Perché a nessuno mai

ho rubato il cuore.

Mirella Narducci

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077