ROMAOramai il videogioco è considerato un’opera d’arte al pari del cinema, tanto che ieri a Roma è stata la volta degli Oscar italiani dei videogiochi. E’ stata infatti indetta la seconda edizione del “Premio Drago d’oro” promosso da AESVI, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale.

Published in Tendenze
Domenica, 12 Gennaio 2014 18:47

Pulp Fiction sarà un videogioco

ROMA - Uno dei più grandi capolavori del regista Quentin Tarantino,” Pulp Fiction”, diventerà presto un videogioco. Il celebre film, uscito nelle sale nel 1994, ultimo della” trilogia pulp”, preceduto dalle” Iene” e da “Una vita al massimo” e vincitore nel ‘95 del premio oscar come migliore sceneggiatura originale, infatti è stato trasformato dal canale di  YouTube, CineFix, in un videogioco degli anni 80.

Published in Società

OSLO - Breivik, l'uomo della strage dell’isola di Utoya, avrebbe chiamato la polizia, usando il telefonino di una vittima, per ben 10 volte dall'isola, durante la sparatoria, per offrire la sua resa. Lo ha dichiarato oggi il suo avvocato, Geir Lippestad. Questo apre nuovi scenari sul comportamento della polizia norvegese in quel tragico giorno. Molti si erano chiesti infatti se un intervento più rapido ed efficiente avrebbe salvato le vite di alcuni dei 69 ragazzi assassinati a Utoya.

Published in Mondo

Scorrendo le foto Anders Behring Breivik, l’uomo che nell’isola di Utoya, a pochi chilometri da Oslo, ha ucciso a sangue freddo 74 persone, si rimane inorriditi di fronte al suo sorriso beffardo.
L’enorme atrocità del gesto rende dissonante quel sorriso che vediamo stampato sulle labbra del pluriomicida. E ci si chiede quale può essere il senso di quel sorriso, che uno psichiatra chiamerebbe ‘ebefrenico’. Ci si chiede anche se abbia un senso.

Published in Cronaca dal sottosuolo

ROMA - Non passa giorno che Anders Behring Breivik, l'estremista autore della duplice strage di Oslo e di Utoya, ci riservi inediti risvolti del suo inquietante profilo, da freddo e spietato assassino. Una mente paranoica pervasa da ideologie estremiste spesso contrastanti tra loro, da simbologie che richiamano ai templari fino ai deleteri concetti anticomunisti e anti-islamici, che con estrema enfasi riporta nel suo manifesto di 1.500 pagine. Insomma un uomo inequivocabilmente gravemente malato sul piano psicologico, il quale, forse,  avrebbe potuto essere curato e soprattutto fermato in tempo se le autorità, e non solo in Norvegia, monitorassero con attenzione questi fantomatici gruppi di fanatici esaltati. E non è la prima volta che aderenti a gruppi che si rifanno alle pericolose ideologie naziste si costituiscono e sopravvivono tranquillamente praticando le loro attività politiche in piena tranquillità. Insomma tutti sanno, tutti vedono, ma la questione è tollerata come si trattasse di associazioni a scopo umanitario.

Una vera offesa per tute le vittime dei crimini commessi dal regime nazista, di cui non dimentichiamo queste persone vanno fiere:  "Un mondo ideale senza Stati Uniti e Israele" recitano molti di questi siti con tanto di simbologie tipicamente della destra ultranazista, che ci fanno ripiombare a uno dei più brutti periodi della storia dell'umanità.
Breivik, nel suo manifesto, descrive il Giappone come un paese modello ideale perchè si terrebbe lontano dal multiculturalismo. E, infatti, nella sua mente contorta il giovane killer sostiene di essere in missione
per salvare l'Europa proprio dalle minacce dell'Islam e dall'immigrazione. Ma il paese del Sol Levante è esaltato da Breivik soprattutto perchè non consente a molti musulmani di immigrare, anche se il paese non ha un divieto per specifici gruppi etnici o religiosi. Stesso dicasi - scrive sempre Breivik - per la Corea del Sud poichè ha la più bassa percentuale di stranieri.
Nelle pagine del manifesto il killer di Oslo avrebbe voluto incontrare l'ex premier giapponese Taro Aso per una sua frase pronunciata quando era ministro nel 2005: "una nazione, una civiltà, una lingua, un cultura e una razza". Chissà perchè ricorda molto un'altra frase: "Ein Reich, Ein Foelk, Ein Fuehrer", ovvero un regno, un popolo un capo. Soltanto che a dirlo fu Adolf Hitler.


Sta di fatto che adesso l'inquietante biondino di Oslo potrebbe essere accusato di crimini contro l'umanità, pena che prevede  30 anni di carcere. Una condanna introdotta nel codice penale solo nel 2008  per i reati legati al terrorismo.   Il procuratore Christian Hatlo ha  sottolineato che questa ulteriore e più grave incriminazione al momento è solo una possibilità, ma l'opinione pubblica ora attende una condanna esemplare per questa strage che ricordiamo è costata la vita a 76 persone per ora.


E si fa sempre più strada l'ipotesi che Breivik sia l'unico responsabile della carneficina a Utoya e della bomba scoppiata al centro nella capitale norvegese.
Ma c'è un fatto ancora più inquietante che non proviene certo da un ipotetico covo delle SS. Mario Borghezio farnetica: "Il 100% delle idee di Anders Behring Breivik sono buone, in qualche caso ottime", ha detto l'esponente leghista  durante la trasmissione 'La zanzara' di Radio24. E poi: "E' per colpa dell'invasione degli immigrati se poi sono sfociate nella violenza."
Insomma per Borghezio le idee di Breivik sono condivisibili. E questi sarebbero i nostri governanti.

Published in Primo piano

OSLO - Si è tenuta oggi l'udienza preliminare per la carcerazione preventiva di Anders Behring Breivik, l'autore dei massacri di Utoya e Oslo. Arrivata davanti al tribunale, l'auto che lo trasportava è stata aggredita dalla folla a calci e pugni. E' intervenuta la polizia per permettere alla macchina di avanzare.

Published in Mondo

ROMA -  Il biondino Anders Behrin Breivik ha confessato. E' lui l'autore del massacro sull'isola di Utoya stando alla testimonianza raccolta dalla polizia norvegese durante l'interrogatorio. Ma c'è dell'altro che inquieta. Il giovane, infatti, stava preparando l'attentato almeno dal 2009, secondo quanto scritto su un memoriale di 1.500 pagine pubblicato da lui stesso sul web venerdì 22 luglio. Breivik in questo documento spiega nei dettagli i preparativi, invocando  l'uso del terrorismo come mezzo per risvegliare le masse  e definendosi  il più grande mostro dopo la seconda guerra mondiale.

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208