Piccioni e farfalle fanno la rivoluzione

Le strade si lasciano riempire di cartelli abusivi. Di manifesti con foto a grandezza naturale. Foto ritoccate che contengono messaggi studiati. I miei contendenti sembrano uomini eleganti. Hanno vestiti classici e la cravatta. Sono in posa e mostrano il loro profilo migliore. Promettono di stare al fianco di tutti i cittadini, di costruire una città migliore. Dicono che taglieranno le tasse, apriranno nuove strade. Si fanno ritrarre al fianco di un disabile sulla sedia a rotelle o mano nella mano con un'anziana signora. Ma non gli basta.

Esulta Nené:

- Eddaje! C'a avemo fatta! 

E' suo il primo passo all'interno della valle dell'Insugherata. Sembra lo sbarco sulla luna. La terra è soffice e le sue impronte sono evidenti. A uno a uno lo seguiamo. Ci sono asfodeli alti un metro.

Un signore anziano mette in guardia Madeleine: 

- Attenta che te taji le gambe!

- La ringrazio, ero molto affascinata da questi bellissimi fiori.

L'appuntamento è per le ore 16 in Piazza Millesimo. Ci sono tutti quelli che ho conosciuto e tanti altri ancora. Il Conte suona la vuvuzela, Gino sta legando con una corda la piccola betoniera all'Ape. Dal finestrino della vettura si intravede la testona di Amadou alla guida. I ragazzi del circolo degli Scipioni indossano tutti nasi rossi da pagliaccio. Ci sono dei ragazzi bengalesi che con acrobazie si lanciano birilli.

- Ce l'abbiamo fatta!

Stropiccio gli occhi e in poco meno di tre secondi realizzo che non dormire su un letto significa svegliarsi con la schiena piegata in due. Dal cortile rimbombano urla da stadio.

 

- Buongiorno, trasmissione 2 su tutta Primavalle! Ci scusiamo con anziani e casalinghe, ma le frequenze commerciali tra i 90.0 e i 90.5 sono occupate anche questa mattina. Alt! Alt! Non toccate le vostre radio! Abbiamo con noi in studio, ehm.. ehm... nel garage del mio amministratore, Nico lo stagnaro e Maurice Delemberte. Con loro parleremo della crisi della sinistra, nel nostro quartiere e nel mondo. Intanto... Janis Joplin con Mercedes Benz!

Mercoledì, 06 Agosto 2014 09:30

Capitolo 11. Origliare l'amore sul cemento

Scritto da

A Primavalle la giornata dura di più. Non conosce il limite della notte, come se la vita ricordasse a tutto un quartiere che va vissuta più a lungo. Va pensata, cavalcata, domata, coccolata, scopata, corteggiata, urlata, sussurrata, camminata, sudata.

Er polentaro alza con una mano il pentolone riparandosi il palmo e le dita con uno strofinaccio ripiegato su se stesso, nell'altra mano agita un mestolo:

- Tutti al loro posto!

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077