Giovedì, 11 Ottobre 2012 20:43

Mps. L’assemblea dei soci fra le proteste di sindacati e piccoli azionisti modifica lo Statuto

Scritto da

SIENA - Dopo la rottura tra Dircredito – Fabi – Fiba/Cisl – Fisac-CGIL – UGL – Uilca/Uil e il Monte Paschi di Siena, sulle esternalizzazioni del back office e sul contratto aziendale, un'altra doccia  arriva sui sindacati.

L’assemblea dei soci Mps , tenutasi presso l’auditorium senese dell’Istituto di credito, ha dato voto favorevole all’aumento di capitale da un miliardo di euro, che prevede l’arrivo di nuovi soci. Non solo. Con il 99,15 % dei voti favorevoli si è dato l’avvio alle modifiche dello statuto della Banca.
A nulla sono servite le proteste che si sono susseguite nei giorni immediatamente precedenti l’assemblea, i, i fischi, uniti ai cartelli che hanno accompagnato molti dei presenti nei locali dell’auditorium.


La Fondazione privata di ogni controllo sull’Istituto di credito
Nel mirino delle proteste, da  parte dei piccoli azionisti e sindacalisti, il Presidente della Fondazione Mps, Gabriello Mancini. A lui è stato rimproverato di aver contribuito alla distruzione di valore della Banca, e di avere privato la Fondazione, ovvero i cittadini senesi, di qualsiasi controllo sull’istituto di credito. Un furto vero e proprio, sostengono, che darebbe carta bianca al Presidente Profumo e all’ ad Viola di ricapitalizzare e cedere ad altri azioni per un miliardo.
A nulla sono valse le sette ore di interventi che si sono susseguiti tra l’amarezza del socio che ha sostenuto: “ La Banca ha dato tanto al territorio e allora penso ad un fondo di sottoscrizioni per trovare questo miliardo di euro”, al folclore di un altro: “ Caro Monte da piccolo azionista ti scrivo, sperando di trovarti ancora vivo…” fino ad arrivare ad un piccolo azionista, dipendente in pensione, che ha sfogato il suo rancore contro Mancini: “ non avrò pace finché il suo nome e quello di Mussari non verranno definitivamente legati alla rovina della Banca”. Poco dopo concluderà dicendo: “ Da padroni a servi della banca, ecco che fine hanno fatto i senesi, il disastro è compiuto”.


 I sindacati parlano di “disgusto” per il voto dell’assemblea
Dura, durissima anche la posizione dei sindacati. A poche ore dal termine dell’assemblea,  attraverso un comunicato congiunto, hanno esternato il loro disappunto : “il voto espresso dall'azionista di riferimento, in quanto precedentemente annunciato, ci ha disgustato, oltre all'inconsistenza delle motivazioni con cui di fatto abdica e sottopone l'intera comunità senese al giogo del CdA, la sua supponenza con cui si prende gioco dei presenti all'assemblea, di tutti gli azionisti, degli enti nominanti e di tutta la città.”
Tra le accuse mosse dai sindacati a Mancini anche il tentativo di  “delegittimare chi non la pensa come lui”, in particolare, per aver tacciato le Organizzazioni Sindacali “ di incoerenza per aver denunciato prima ingerenze da parte della Fondazione nei confronti del management della banca, ed ora di silenzio e sottomissione.”

“ Scelte scellerate” per i lavoratori e la comunità senese
Scelta “scellerata”, affermano, sia per i lavoratori della banca sia per tutta la comunità senese. “Mancini e la Deputazione Amministratrice, tacendo o intervenendo a secondo della convenienza, non stanno facendo ciò per cui sono stati nominati: difendere l'autonomia della banca, e sostenere il territorio.” Inoltre, concludono: “ i lavoratori della banca non hanno bisogno di generiche dichiarazioni di solidarietà e pacche sulle spalle, ma di una chiara e netta presa di posizione nei confronti delle politiche aziendali, e soprattutto dovrebbero identificare chiaramente gli ambiti di intervento (esternalizzazioni e disdetta integrale ed unilaterale del CIA) e non nascondersi dietro fumose affermazioni quali "minimo o forte impatto sociale”.

Ma sono state davvero ridotte le retribuzioni dei manager?

Altro tasto dolente sono le  riduzioni delle retribuzioni dei top manager.  Anche su questo fronte   i sindacati ci vogliono vedere chiaro. In sede di assemblea, il presidente Profumo ha ufficialmente dichiarato l’avvenuta riduzione. I sindacati, però, affermano di non “aver nessun riscontro in merito”.  “Più volte- scrivono- abbiamo richiesto alla Banca di rendere pubbliche le retribuzioni dei manager, le tipologie contrattuali utilizzate per la loro assunzione e soprattutto le eventuali clausole di rescissione dei contratti stessi.”
E concludono: “Abbiamo più volte sottolineato come tali questioni siano ancora più rilevanti  in considerazione del fatto che il Gruppo ha usufruito del sostegno pubblico. A questo punto viste le dichiarazioni effettuate dal Presidente Profumo in sede ufficiale, sarebbe opportuno che la Banca si decidesse a rispondere alle nostre domande e soprattutto a rendere pubblico l’ammontare della fantomatica riduzione degli stipendi del Top Management stesso”.

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]