Martedì, 05 Marzo 2013 18:23

Crisi. Bankitalia. Per 2 famiglie su 3 il reddito è insufficiente

Scritto da

ROMA - Le famiglie italiane sono sempre più difficoltà. Per due su tre il reddito non è sufficiente  far fronte alle spese. I nuclei più vulnerabili sono quelli formati da giovani e da locatari.

È questa la fotografia scattata dalla Banca d'Italia in un Quaderno di Economia e Finanza dedicato al risparmio condotto da  due economiste, Laura Bartiloro e Cristiana Rampazzi. «A conferma del disagio espresso dai nuclei familiari - spiega Bankitalia - nel 2010 è aumentata al 65% (era al di sotto del 40% nel 1990) la quota di quelli che valutano il proprio reddito inferiore a quanto ritenuto necessario. L'incremento è più diffuso per i nuclei che vivono in affitto, in cui il capo-famiglia è operaio oppure disoccupato, pensionato, impiegato a tempo parziale».

L'impatto della crisi economica è più pesante per le famiglie a basso reddito, per quelle giovani e per i nuclei che vivono in affitto.  «A fronte - affermano le due studiose - di una generale riduzione del risparmio e dell'interruzione della crescita della ricchezza netta, alcune famiglie hanno risentito della crisi più di altre. Per i nuclei a basso reddito, per quelli giovani e per gli affittuari quasi tutti gli indicatori esaminati hanno registrato un peggioramento».

Lo studio,  «pone in luce la vulnerabilità di una quota rilevante di famiglie giovani e di locatari. I dati macroeconomici più recenti indicano una ulteriore riduzione del reddito e un peggioramento del tasso di risparmio, prefigurando quindi un successivo inasprimento delle condizioni finanziarie delle famiglie più vulnerabili in assenza di opportune misure di sostegno o di una ripresa del ciclo economico». «Ancor prima - sottolineano le due economiste di Bankitalia - del dispiegarsi degli effetti della crisi, il risparmio delle famiglie italiane era in calo. La propensione al risparmio delle famiglie è ulteriormente diminuita dopo il 2008 ed è aumentata la quota di famiglie con reddito insufficiente a coprire i consumi, in particolare per le famiglie a basso reddito: la metà dei nuclei appartenenti a questa classe ha entrate insufficienti a coprire i consumi».

L'aumento degli squilibri «è segnalato anche dall'incremento della concentrazione della ricchezza: tra il 2008 e il 2010 la quota di ricchezza netta posseduta dai tre quartili di reddito più bassi è diminuita a vantaggio della classe più elevata. L'esigua frazione di ricchezza detenuta dai nuclei giovani si è ridotta ulteriormente».

«La percentuale di famiglie italiane indebitate - evidenzia lo studio - è bassa nel confronto internazionale e la maggior parte di queste si collocano nei quartili di reddito più alto. Esaminando il bilancio familiare dal lato del passivo le famiglie vulnerabili sono quindi una quota ridotta». «Considerando invece - affermano le due studiose - una diversa misurazione della povertà, che oltre al reddito, prenda in considerazione anche la ricchezza, si riesce a disporre di una visione più ampia della loro condizione finanziaria. Da questa analisi è emerso tra il 2008 e il 2010 un peggioramento di tali indicatori, in misura particolarmente accentuata tra i giovani e gli affittuari».

«Nel 2010 - secondo la ricerca - le famiglie povere di reddito e di ricchezza al netto dell'abitazione di residenza erano l'8,8%, in lieve aumento rispetto al 2008; tra quelle giovani, l'incidenza della povertà è invece aumentata di quasi tre punti tra le due rilevazioni, fino a raggiungere il 15,2%, un valore ben più elevato di quello della popolazione nel suo complesso». Per gli affittuari «la percentuale è ancora maggiore, pari al 26,1%, in aumento di 3,5 punti tra le ultime due rilevazioni».

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]