Venerdì, 22 Marzo 2013 11:47

Palermo. Edili disoccupati in marcia per il lavoro

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Schiavella: "occorre un governo per una nuova politica che crei occupazione"

ROMA - “In marcia per il lavoro” è il titolo della manifestazione regionale che si è svolta stamane a Palermo, promossa dalla Fillea Cgil e dai Comitati dei disoccupati edili siciliani. Battesimo di piazza per questo nuovo movimento che in pochi mesi ha raccolto intorno alla proposta di aprire una "vertenza-lavoro" centinaia di disoccupati e lavoratori dell'edilizia che, organizzati in oltre trenta comitati cittadini, hanno dato vita a numerose iniziative, in particolare agli "scioperi al contrario", dove disoccupati edili armati di attrezzi da lavoro e protezioni antinfortunistiche hanno pulito le pareti dei bagni comunali o sistemato il muretto pericolante di una scuola. Due mesi di iniziative che hanno prodotto non solo l’attenzione della stampa e la solidarietà  dei cittadini ma anche numerosi incontri con gli amministratori locali per sollecitare interventi a sostegno del settore, che in Sicilia tocca punte estreme e disperate di crisi, come racconta il segretario regionale Fillea Franco Tarantino “dei 95mila posti di lavoro persi in questi quattro anni, 54mila sono solo nelle costruzioni. Gli appalti sono scesi in numero (-60%) ed in importi (-40%); le ore lavorate sono crollate del 30% e la massa salariale del 40%, 500 le imprese fallite.


Il ricordo di Peppe Bugarella, dirigente della Fillea Cgil


E’ in questo scenario drammatico che nello scorso mese di febbraio si consumò il suicidio di Peppe Burgarella, iscritto e dirigente della Fillea di Trapani, da due anni disoccupato “il suo ricordo, il ricordo delle parole che ha scritto prima di farla finita - senza lavoro non c’è dignità  - e quell’articolo 1 della Costituzione sottolineato - una repubblica fondata sul lavoro - sono state il pensiero fisso, la nostra bussola in questi due mesi di impegno tra i disoccupati” racconta ancora Franco Tarantino “ed è a lui che abbiamo pensato nell'organizzare questa marcia."
2mila tra disoccupati e lavoratori, 15 i pullman provenienti da tutte le province, numerosi i sindaci che raggiungono la sede della Regione, dove una delegazione della Fillea chiede  di potere illustrare al governo le ragioni della protesta: questi i numeri della marcia degli edili siciliani e dalla Fillea la promessa che non è finita qui.
"Dalla Sicilia prende il via una mobilitazione generale dei disoccupati e dei lavoratori edili  che presto attraverserà lo stretto di Messina per estendersi alle altre regioni con iniziative, scioperi al contrario, campagne di informazione, marce e flash mob" annuncia da Torino Walter Schiavella, segretario generale degli edili Cgil, nel corso di un Convegno nazionale dove gli edili Cgil presentano le proposte del sindacato per la riduzione del consumo di suolo e per una edilizia sostenibile.


Un’edilizia che ripari i danni di un passato senza regole


 Una strategia dunque a tutto campo dal primo sindacato italiano delle costruzioni, che propone un Piano del Lavoro  in grado di coniugare il bisogno di far ripartire il settore e di far crescere il lavoro  con la necessità' di orientare la produzione verso la sostenibilita' "occorre una edilizia che in qualche modo ripari i danni prodotti dalla crescita senza regole, occorre di un cambiamento radicale del modello di sviluppo" e cio' significa per il numero uno Fillea "sposare in pieno la strada della sostenibilità  sul terreno sociale, economico e ambientale." Mettere in sicurezza il territorio ed il patrimonio abitativo, le scuole e gli edifici pubblici, i centri,storici e' una priorita' "esiste un gigantesco problema di cura del territorio, come valore collettivo, che va messo in sicurezza, da un lato arrestandone il consumo, dall’altro bonificando tutte le situazioni generatrici di pericoli e quindi di spesa, con la scelta della prevenzione. Il nostro piano del lavoro  parla di questo, con le proposte per il  riassetto idrogeologico, riqualificazione del patrimonio archeologico, architettonico e ambientale, riassetto urbano, efficienza energetica, energie rinnovabili, prevenzione sismica, infrastrutture materiali."


Presto un governo
Dal segretario generale della Fillea infine l'apprezzamento per la  decisione del governo di liberare risorse per saldare parte dei debiti della PA verso le imprese ma anche la richiesta alla politica di "fare presto a dare un nuovo governo al paese, perché  il settore e' allo stremo. Abbiamo bisogno di investimenti, di riaprire i cantieri grandi e piccoli, di un rafforzamento delle regole per affermare la qualità' del lavoro, dell'impresa e la legalità. Questo chiedono oggi i disoccupati ed i lavoratori a Palermo, questo e' ciò che chiederemo da ogni piazza
d'Italia."

Read 2877 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]