Martedì, 03 Settembre 2013 19:56

Palermo. I disoccupati edili, un casco e una preghiera a Santa Rosalia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

PALERMO -  Domani mercoledì, ci saranno anche loro, gli operai edili disoccupati di Palermo, nella classica “acchianata” a Monte Pellegrino per chiedere aiuto alla santa protettrice dei palermitani. A Santa Rosalia consegneranno i loro caschi di lavoro e una preghiera.

L’appuntamento è    alle 7 in punto alle falde di Monte Pellegrino:Da lì  una delegazione di  operai edili disoccupati del comitato per il lavoro edile della Fillea si muoverà  a piedi attraverso il vecchio sentiero  per raggiungere dopo circa 5 chilometri il santuario di S. Rosalia. “Non sappiamo più a che santo votarci”,  esclama  Enrico Accardi del comitato  dei disoccupati edili.  “Allora porteremo a Santa Rosalia la preghiera degli operai  disoccupati  e anche  un casco giallo, simbolo del lavoro edile”, aggiungono Pippo Schillaci e Marcoccio Giuseppe, componenti del  comitato.
La lettera di  preghiera e il casco saranno lasciati nella grotta del santuario. Da mesi gli edili attendono segnali di ripresa nel settore a Palermo che non sono mai arrivati.  “Ormai sono migliaia gli operai edili che non riescono a trovare occupazione – aggiunge  Accardi – E la speranza rischia di lasciare il posto alla disperazione”.  “Occorre far partire i cantieri edili, l’edilizia a Palermo da troppi anni segna il passo" è la richiesta della Fillea di Palemo "non  bastano gli annunci, spesso occorre solo superare gli ostacoli e accelerare i tempi della  burocrazia,  a cominciare  per esempio dai lavori del cosiddetto Anello ferroviario, lavori che darebbero occupazione tra diretto e indotto a cinquecento lavoratori”.

PREGHIERA A SANTA ROSALIA
Siamo operai,
quelli che costruiscono le case per gli altri
e che spesso non hanno i soldi per comprarne una per se stessi, per i
propri figli.
Siamo piegati dal nostro lavoro
al freddo in inverno e  al caldo in estate,
in mezzo alla polvere o allo stravento
dentro una galleria o su un ponteggio.
Questo lavoro spesso ci fa sembrare piu’ vecchi dell’eta’ che abbiamo
ma noi amiamo il nostro lavoro.
Il lavoro a noi non spaventa
perche’ permette di essere liberi, di essere onesti.
Perche’ permette di crescere i nostri figli.
E la cosa piu' bella e' vedere il sorriso nei loro occhi.
Quello che a noi preoccupa e' la mancanza di lavoro.
Spesso passano mesi
prima di potere andare a fare qualche giornata di lavoro
e con dignita’  portare il pane a casa.
A volte i mesi diventano anni
e la speranza di trovare un lavoro diventa disperazione
e non vediamo piu' sorrisi negli occhi dei nostri bambini.
Ci facciamo coraggio tra di noi, ma non basta.
Ci rivolgiamo a te, Rosalia, sorella  nostra.
Aiutaci con le tue preghiere a cambiare questa citta’.
Aiutaci a ritrovare la nostra dignita’.
Firmato: gli operai edili palermitani disoccupati & il  Comitato per il
Lavoro Edile - Fillea Paler

Read 2640 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]