Sabato, 09 Novembre 2013 11:43

Cgila. Lavoro, è crollato il popolo della partite IVA

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Dal 2008 hanno cessato l’attività 400 mila autonomi. In controtendenza solo i liberi professionisti (+ 125 mila). Male il Nordovest 

VENEZIA - Dal 2008 al giugno del 2013 hanno cessato l’attività ben 400 mila lavoratori indipendenti. In questi cinque anni e mezzo di crisi economica la contrazione è stata del 6,7%. Sempre nello stesso periodo di tempo, ogni cento lavoratori autonomi, ben 7,2 hanno chiuso i battenti. Al 30 giugno di quest’anno il cosiddetto popolo delle partite Iva ammonta a 5.559.000 lavoratori. 

A scattare la fotografia sul mondo del lavoro autonomo e delle micro imprese è stata la CGIA.

“A differenza dei lavoratori dipendenti – fa notare il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – quando un autonomo chiude l’attività non dispone di nessuna misura di sostegno al reddito. Ad esclusione dei collaboratori a progetto che possono contare su un indennizzo una tantum, le partite Iva non usufruiscono dell’indennità di disoccupazione, di nessuna forma di cassaintegrazione o di mobilità lunga o corta. Spesso si ritrovano solo con molti debiti da pagare e un futuro tutto da inventare”. 

Una situazione di difficoltà, ricordano dalla CGIA, che, purtroppo, ha spinto in questi ultimi anni molti piccoli imprenditori a compiere  dei gesti estremi dettati dalla disperazione.

“In proporzione – prosegue Bortolussi – la crisi ha colpito in maniera più evidente il mondo delle partite Iva rispetto a quello del lavoro dipendente. Se in termini assoluti la platea dei subordinati ha perso ben 583.000 lavoratori, la variazione percentuale, invece,  è diminuita solo del 3,3 per cento, mentre l’incidenza percentuale della perdita dei posti di lavoro sul totale della categoria si è fermata al 3,5 per cento. Tassi, questi ultimi, che sono meno della metà di quelli registrati dai lavoratori indipendenti”.  

 

Analizzando tutti i profili professionali che costituiscono il cosiddetto popolo delle partite Iva, si nota che la contrazione più significativa è avvenuta tra i lavoratori in proprio: vale a dire tra gli artigiani, i commercianti e gli agricoltori. In questi ultimi cinque anni e mezzo sono diminuiti di 357.000 unità, pari ad una contrazione del 9,9 per cento.  Male anche l’andamento dei coadiuvanti familiari, ovvero i collaboratori familiari: la riduzione è stata di 78.000 unità (-19,4 per cento). Anche i collaboratori occasionali o a progetto hanno subito un deciso ridimensionamento: la riduzione occupazionale è stata di 56.000 unità (-12 per cento). Anche gli imprenditori, vale a dire i soggetti a capo di attività strutturate con dipendenti, sono diminuiti di 37.000 unità (-12,9 per cento). Le uniche categorie che hanno registrato risultati positivi sono stati i soci delle cooperative (+ 2.000 unità, pari al +6,2 per cento) e, soprattutto,  i liberi professionisti. Il numero degli iscritti agli ordini e ai collegi professionali sono aumentati di ben 125.000 unità (+10,7 per cento).

 

“Verosimilmente - conclude Bortolussi  - la tendenza positiva fatta segnare dai liberi professionisti potrebbe essere riconducibile sia all’aumento del numero di coloro che hanno deciso di mettersi in proprio non avendo nessun’altra alternativa per entrare nel mercato del lavoro, sia all’incremento delle cosiddette false partite Iva. In riferimento a quest’ultimo caso, ci si riferisce, ad esempio, a quei giovani che in questi ultimi anni hanno prestato la propria attività come veri e propri lavoratori subordinati, nonostante fossero a tutti gli effetti dei lavoratori autonomi. Una modalità, quest’ultima, molto praticata soprattutto nel Pubblico impiego”.   

 

Infine, segnala la CGIA, a livello territoriale è stato il Nordovest ha registrare la caduta occupazione più forte tra gli autonomi (-7,9%), mentre il Centro è stata l’area geografica meno investita dalla crisi, nonostante la contrazione sia stata di tutto rispetto: - 4,1 per cento.

 

VARIAZIONE DELL’OCCUPAZIONE DIPENDENTE ED INDIPENDENTE(1) 

DAL 2008 AL 1° SEM. 2013(2)

 

 

Valori assoluti (migliaia)

Var. ass.

 2008 - 1° sem. 2013 (migliaia) (B)

Var. %

2008 - 1° sem. 2013

Incidenza % perdita posti di lavoro su totale di ciascuna categoria

(B/A x 100 )

 

 

2008

1° sem 2013

(A)

Italia

dipendenti

17.446

16.863

-583

-3,3

3,5

 

indipendenti

5.959

5.559

-400

-6,7

7,2

 

TOTALE

23.405

22.422

-983

-4,2

4,4

Elaborazione Ufficio studi CGIA su dati Istat

Note

(1) L’occupazione indipendente comprende (composizione percentuale nel 1° semestre 2013 sul totale degli indipendenti):  imprenditori (4,5%), liberi professionisti (23,3%), lavoratori in proprio (58,4%), coadiuvanti familiari (5,8%), soci di cooperativa (0,7%), collaboratori (7,4%).

(2) Ottenuto come media del primo e secondo trimestre dell’anno.

 

VARIAZIONE DELL’OCCUPAZIONE INDIPENDENTE IN ITALIA PER PROFILO PROFESSIONALE

DAL 2008 AL 1° SEM. 2013 (*)

 

Valori ass. (migliaia)

Var. ass.

 2008 / 1° sem. 2013 (migliaia)

Var. %

 2008 / 1° sem. 2013

 

2008

1° sem 2013)

Imprenditore

285

248

-37

-12,9

Libero professionista

1.170

1.296

+125

+10,7

Lavoratore in proprio

3.601

3.244

-357

-9,9

Coadiuvante familiare

403

325

-78

-19,4

Socio cooperativa

35

37

+2

+6,2

Collaboratore

465

409

-56

-12,0

Totale indipendenti

5.959

5.559

-400

-6,7

        Elaborazione Ufficio studi CGIA su dati Istat

(*) Ottenuto come media del primo e secondo trimestre dell’anno.

 

VARIAZIONE DELL’OCCUPAZIONE DIPENDENTE ED INDIPENDENTE(1) PER RIPARTIZIONI TERRITORIALI DAL 2008 AL 1° SEM. 2013(2)

 

 

 

 

Valori assoluti (migliaia)

Var. ass.

 2008 - 1° sem. 2013 (migliaia) (B)

Var. %

2008 - 1° sem. 2013

Incidenza % perdita posti di lavoro su totale di ciascuna categoria

(B/A x 100 )

 

 

2008

1° sem 2013

(A)

Nord-ovest

dipendenti

5.223

5.195

-28

-0,5

0,5

 

indipendenti

1.720

1.585

-135

-7,9

8,5

 

totale

6.943

6.780

-163

-2,4

2,4

Nord-est

dipendenti

3.858

3.794

-64

-1,7

1,7

 

indipendenti

1.265

1.183

-82

-6,5

6,9

 

totale

5.123

4.977

-146

-2,9

2,9

Centro

dipendenti

3.601

3.530

-71

-2,0

2,0

 

indipendenti

1.256

1.204

-52

-4,1

4,3

 

totale

4.857

4.734

-123

-2,5

2,6

Mezzogiorno

dipendenti

4.764

4.344

-420

-8,8

9,7

 

indipendenti

1.718

1.587

-131

-7,6

8,2

 

totale

6.482

5.931

-551

-8,5

9,3

Elaborazione Ufficio studi CGIA su dati Istat

 

Note

(1) L’occupazione indipendente comprende (composizione percentuale nel 1° semestre 2013 sul totale degli indipendenti):  imprenditori (4,5%), liberi professionisti (23,3%), lavoratori in proprio (58,4%), coadiuvanti familiari (5,8%), soci di cooperativa (0,7%), collaboratori (7,4%).

(2) Ottenuto come media del primo e secondo trimestre dell’anno.

Read 3086 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]