Sabato, 14 Marzo 2015 09:32

Nonostante i tagli la spesa pubblica continua ad aumentare

Scritto da

Tra il 2010, anno in cui sono state introdotte le prime misure di austerità, e il 2014, la spesa corrente è aumentata di 27,4 miliardi di euro. L’anno scorso la macchina pubblica ci è “costata” 692,4 miliardi di euro

VENEZIA - Nonostante l’allungamento dell’età lavorativa imposto dalla riforma Fornero, il blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici, la centralizzazione degli acquisti, i tagli ai Ministeri, alle Regioni, agli Enti locali e alla sanità, la nostra spesa pubblica continua ad aumentare.  Tra il 2010 e il 2014, le uscite di parte corrente al netto degli interessi sul debito pubblico (costituite dalle spese per il personale, dai consumi intermedi, dalle prestazioni sociali, etc.) sono salite di 27,4 miliardi di euro.

Anche in rapporto al Pil, le uscite correnti risultano in deciso aumento: se all’inizio di questo decennio l’incidenza era pari al 41,4 per cento, l’anno scorso la stessa ha toccato il 42,8 per cento. Nel 2014 la macchina pubblica è “costata” agli italiani 692,4 miliardi di euro.

Di segno opposto, invece, l’andamento delle principali spese in conto capitale, vale a dire gli investimenti. Se nel 2010 il valore ammontava a 64,7 miliardi di euro, nel 2014 è sceso a quota 49,2 miliardi:  in questi 5 anni la caduta degli investimenti è stata spaventosa: - 23,9 per cento, pari a una riduzione in termini assoluti di 15,4 miliardi di euro.

“Pur riconoscendo che gli effetti della crisi hanno contribuito a espandere alcune voci di spesa - dichiara il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - la tanto sbandierata spending review, purtroppo, non ha ancora sortito gli effetti sperati. Questa situazione, ovviamente, pregiudica in maniera determinante l’obbiettivo primario che il Governo deve perseguire per riagganciare la ripresa, vale a dire il taglio delle tasse. Senza una drastica e strutturale sforbiciata alla spesa pubblica improduttiva, è impensabile ridurre il carico fiscale sulle famiglie e sulle imprese. Per questo, l’Esecutivo deve riprendere in mano il lavoro lasciato a metà dall’ex commissario Cottarelli e portarlo a compimento. Altrimenti, il rischio che dal 2016 scattino  le clausole di salvaguardia, con il conseguente aumento dell’Iva, è  sempre più concreto.”

Analizziamo l’andamento registrato tra il 2010 e il 2014 delle 5 voci che compongono la spesa corrente della nostra Pubblica amministrazione (Pa).

A seguito della riduzione delle unità di lavoro e del blocco dei rinnovi contrattuali dei dipendenti delle Amministrazioni pubbliche introdotto nel 2010 dal Governo Berlusconi, in questi ultimi 5 anni la “Spesa per il personale”  è diminuita del 5 per cento: in termini assoluti il “risparmio” per le casse pubbliche è stato di 8,7 miliardi di euro.

Nonostante la centralizzazione degli acquisti dei beni e dei servizi avviata da qualche anno dalla Pa, i “Consumi intermedi” - che includono anche le spese di manutenzione ordinaria, le spese energetiche, quelle di esercizio dei mezzi di trasporto,  la ricerca/sviluppo e la formazione del personale acquistata all’esterno -    sono saliti del 3,4 per cento. In valore assoluto l’aumento ha sfiorato i 3 miliardi di euro.

Oltre agli stipendi, l’altra voce che compone la spesa corrente ad aver registrato una variazione negativa è stata quella relativa a “Le prestazioni sociali in naturaacquistate” ovvero gli acquisti dei  medicinali, dei  farmaci, l’assistenza medica, etc. La contrazione è stata pari a 2,5 miliardi di euro (-5,5 per cento).  

Sottolineando che l’80 per cento circa della “Spesa per le prestazioni sociali in denaro” è assorbita dalle  pensioni, le uscite per il welfare hanno registrato una vera e propria impennata: l’incremento ha  sfiorato il 10 per cento, mentre in termini assoluti l’aggravio è stato di ben 29,6 miliardi di euro. Nonostante gli effetti prodotti dalla riforma Fornero, a condizionare in maniera determinante questa espansione ha contribuito soprattutto la spesa pensionistica e, in misura più contenuta,  i provvedimenti a sostegno al reddito erogati a famiglie e lavoratori che in questi ultimi anni si sono trovati in difficoltà. Dal 2014, inoltre, tra le “Prestazioni sociali in denaro” è stato computato anche il bonus degli 80 euro (5,8 miliardi di euro). Infatti, come ha avuto modo di ricordare il Ministero dell’Economia e delle Finanze qualche giorno fa, le statistiche non classificano il bonus degli 80 euro come un taglio fiscale, bensì come una misura di spesa sociale.

Le “Altre uscite correnti”, infine,  sono anch’esse salite in misura importante: se in termini percentuali l’incremento  è stato del 10,1 per cento, in valore assoluto questa voce è aumentata di 6 miliardi di euro. Dalla CGIA ricordano che in questa voce sono comprese le spese residuali, quali gli ammortamenti e le imposte che versano le Pa. 

Andamento delle spese delle Amministrazioni Pubbliche 

- Confronto 2010/2014 - Valori in milioni di euro e in %

Voci di spesa corrente

2010

2014

Var. ass. 2014-2010

Var. % 2014/2010

Spese per il personale

172.548

163.874

-8.674

-5,0

Consumi intermedi (1)

87.356

90.325

+2.969

+3,4

Prestazioni sociali in natura acquistate (2)

46.281

43.738

-2.543

-5,5

Prestazioni sociali in denaro (3)

298.695

328.304

+29.609

+9,9

Altre uscite correnti (4)

60.109

66.169

+6.060

+10,1

Spesa corrente al netto interessi

664.989

692.410

+27.421

+4,1

Incidenza % sul  Pil

41,4

42,8

 

+1,4

 

 

 

 

 

Principali spese per investimento (5)

2010

2014

Var. ass. 2014-2010

Var. % 2014/2010

Investimenti fissi lordi

46.791

36.296

-10.495

-22,4

Contributi agli investimenti

17.937

12.951

-4.986

-27,8

Totale principali spese investimento

64.728

49.247

-15.481

-23,9

Elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Istat e Ministero dell’Economia e delle Finanze

 

Andamento delle spese delle Amministrazioni Pubbliche – Serie storica -

Valori in milioni di euro e in %

Voci di spesa corrente

2010

2011

2012

2013

2014

Var. ass. 2014-2010

Var. % 2014/2010

Spese per il personale

172.548

169.615

166.130

164.910

163.874

-8.674

-5,0

Consumi intermedi (1)

87.356

87.166

86.974

89.841

90.325

+2.969

+3,4

Prestazioni sociali in natura acquistate (2)

46.281

44.608

43.345

43.458

43.738

-2.543

-5,5

Prestazioni sociali in denaro (3)

298.695

304.478

311.442

319.688

328.304

+29.609

+9,9

Altre uscite correnti (4)

60.109

60.553

63.532

66.134

66.169

+6.060

+10,1

Spesa corrente al netto interessi

664.989

666.420

671.423

684.031

692.410

+27.421

+4,1

Incidenza % sul  Pil

41,4

40,7

41,6

42,5

42,8

 

+1,4

 

 

 

 

 

 

 

 

Principali spese per investimento (5)

2010

2011

2012

2013

2014

Var. ass. 2014-2010

Var. % 2014/2010

Investimenti fissi lordi

46.791

45.288

41.295

38.310

36.296

-10.495

-22,4

Contributi agli investimenti

17.937

17.851

17.348

14.451

12.951

-4.986

-27,8

Totale principali spese investimento

64.728

63.139

58.643

52.761

49.247

-15.481

-23,9

Elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Istat e Ministero dell’Economia e delle Finanze

Note

(1) Include diverse tipologie di spesa tra cui rientrano, ad esempio, le spese di manutenzione ordinaria, gli acquisti di cancelleria, le spese energetiche e di esercizio dei mezzi di trasporto, i servizi di ricerca e sviluppo e di formazione del personale acquistati all'esterno ecc.

(2) Spesa per beni e servizi sostenuta dalle Amministrazioni pubbliche per le funzioni della protezione sociale e della sanità (ad esempio gli acquisti per la sanità come medicinali, farmaci, assistenza medica ecc.).

(3) All'interno delle “Prestazioni sociali in denaro”, nel 2014 è stato computato anche il bonus di 80 euro per una spesa complessiva di 5.850 milioni di euro; come indicato dal comunicato stampa del 2 marzo 2015 del MEF, infatti, le misure statistiche non classificano il bonus di 80 euro come riduzione del peso fiscale, ma come spesa sociale. In riferimento alle “Prestazioni sociali in denaro” circa l'80% è dovuto alle pensioni mentre il 20% è dovuto alle altre forme di assistenza.

(4) Le “Altre uscite correnti” riguardano spese residuali quali gli ammortamenti e le imposte che versano le PA.

(5) Aggregato che rappresenta le spese per investimenti attivati dalle Amministrazioni Pubbliche e quindi gli investimenti fissi lordi e i contributi agli investimenti.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]