Venerdì, 24 Aprile 2015 14:18

Alberghi per La Gioventù, senza stipendio da sette mesi 140 dipendenti dell’Aig Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

I sindacati proclamano lo sciopero a livello decentrato: “Situazione inaccettabile, l’associazione presenti un piano per lo sviluppo e per garantire l’occupazione”

ROMA – Sono senza stipendio da sette mesi circa 140 dipendenti degli Ostelli della Gioventù. Situazione inaccettabile per le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs che hanno proclamato un pacchetto di 8 ore di sciopero da articolare a livello territoriale.

L’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, che versa in una forte situazione debitoria - in particolare dopo la chiusura nel 2010 dell’Ostello della Gioventù di Roma - non ha ancora presentato proposte concrete per superare le difficoltà e procedere al pagamento delle spettanze arretrate.

Intanto prosegue con il confronto al Ministero dello Sviluppo Economico con i sindacati: l’Aig non ha avanzato soluzioni concrete soddisfacenti, ma solo ipotesi  aleatorie, come la possibilità di dare in gestione alcune strutture ai dipendenti, ad altri acquirenti, o limitare i periodi di apertura per rientrare dal debito.

“Ad un anno dai primi incontri, le problematiche e le argomentazioni poste, sono rimaste immutate se non peggiorate e ancora senza soluzione, con il risultato che i dipendenti, a tutt'oggi, devono ancora ricevere sette mensilità più tre ratei  dell’Accordo  sottoscritto lo scorso giugno” affermano le organizzazioni sindacali.

“Abbiamo inoltre espresso il nostro disappunto riguardante la possibilità di dare ai dipendenti in autogestione alcuni Ostelli in difficoltà  o qualsiasi esternalizzazione dei servizi, in quanto tutto ciò sposterebbe  il problema senza trovare una vera prospettiva di sviluppo e manterrebbe l’assenza  di una seria strategia politica Aziendale”.

I sindacati hanno inoltre richiesto al Ministero dello Sviluppo Economico di mantenere attivo il tavolo di confronto convocando  tutti i soggetti coinvolti che potrebbero investire  nel piano di sviluppo, al fine di individuare seriamente gli interventi necessari, sia per rilanciare l’Associazione, sia per garantire l'occupazione e il salario ai lavoratori. Filcams, Fisascat, UIltucs auspicano che nel prossimo incontro al Ministero il 5 maggio si possano ottenere risposte concrete e risolutive.

Read 2030 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]