Domenica, 22 Maggio 2011 15:56

Lavoro. 20 maggio 1970 - 20 maggio 2011. Nasce la Carta dei diritti democratici e di rappresentanza

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - E’ stata scelta la data simbolo del 20 maggio, 41 anniversario dello statuto dei lavoratori, per  avviare la raccolta firme a favore della proposta di legge di iniziativa popolare denominata “Carta dei diritti democratici e di Rappresentanza delle lavoratrici e dei  lavoratori”.


Alla base del provvedimento il principio secondo cui il soggetto depositario dei diritti è il lavoratore e non le organizzazioni sindacali. All’elaborazione della proposta di legge, depositata in cassazione lo scorso 4 maggio, hanno partecipato il Forum dei diritti/lavoro e le organizzazioni sindacali, USB, Snater cib -UNicobas.
“Non è vero che sulla rappresentanza si fanno passi avanti – ha dichiarato Fabrizio Tomaselli, dell’Esecutivo nazionale USB - ma si stanno facendo passi indietro che preludono ad un definitivo affossamento dei diritti democratici. I lavoratori sono stati espropriati dei loro diritti e non si chiede più il loro voto, se non in referendum farsa richiesti dai padroni e utilizzati come ricatto. Non votano più democraticamente i loro rappresentanti e a qualsiasi livello- ha sottolineato Tomaselli -  le trattative sono condotte in modo da escludere il controllo dei lavoratori e la loro partecipazione attiva. La nostra legge intende dunque ridare forza a chi lavora, restituire quegli strumenti democratici che sono venuti meno con una gestione sindacale da decenni asservita ad interessi economici e dei partiti”, ha concluso il dirigente USB.


Il provvedimento nasce, dalla constatazione del fatto che non esiste una normativa di legge in materia di diritti democratici e di rappresentanza nei luoghi di lavoro specialmente privati. Le vicende di Pomigliano e Mirafiori  sono un modello che ha reso evidente la grande debolezza del lavoratore, sottoposto, a fronte della perdita del posto di lavoro, a continui ricatti da parte dell’ azienda in cui opera.
“La proposta – ha precisato Arturo Salerni, avvocato del Forum Diritti/Lavoro - disegna un sistema di regole fondate sul lavoratore, che potrà così esercitare senza alcuna discriminazione i propri diritti a prescindere che sia stabile o precario, pubblico o privato, che operi in un'azienda con più o meno di 15 dipendenti. Le lavoratrici ed i lavoratori potranno così scegliere liberamente i propri rappresentanti e verificarne l’operato”.
Affinché la “Carta dei diritti democratici e di rappresentanza delle lavoratrici e dei lavoratori” possa essere depositata presso il parlamento Italiano, sono necessarie almeno 50.000 firme di cittadini Italiani. La campagna di raccolta sottoscrizioni  proseguirà nelle città e nei luoghi di lavoro di tutto il paese. Nella crisi globale che stiamo vivendo, dare maggiori diritti ai lavoratori, diventa il punto di forza per iniziare a pensare con speranza al futuro.

 

 

Read 4940 times Last modified on Domenica, 22 Maggio 2011 16:53

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Coaching Cafè

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077