Lunedì, 21 Settembre 2015 11:48

Lavoro. Protesta lavoratori Cup sotto la Regione Lazio Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)
Lavoro. Protesta lavoratori Cup sotto la Regione Lazio Foto Agenzia Dire

ROMA - E’ in corso da questa mattina uno sciopero dei lavoratori del Cup e delle ditte esterne dei servizi Cup delle Asl e delle aziende ospedaliere sotto la Regione Lazio. Sono circa un centinaio i lavoratori che stanno manifestando contro il bando di gara unica centralizzata del Cup.

''Armati'' di trombette e bandiere, i lavoratori hanno esposto alcuni striscioni, tra cui: ''No al massimo ribasso, sì clausole sociali, no Mafia Capitale'', ''PreoCUPati'', ''Futuri DisoCUPati'', ''Zingaretti ferma la gara che taglia diritti ai cittadini e posti di lavoro''. I presenti indossano una t-shirt con scritto: ''Il bando ci manda allo sbando. Noi diciamo no a questa gara''.  Ci sono stati alcuni attimi di tensione con le forze dell'ordine quando alcuni manifestanti hanno provato a bloccare il traffico sua via Giovanni Genocchi, che collega la Cristoforo Colombo con le vie della Garbatella. La circolazione procede al momento a singhiozzo.

"L'incontro di venerdì in Regione è stato importante, ma non risolutorio. Auspichiamo di essere riconvocati al più presto per trovare una soluzione che sia soddisfacente per i lavoratori". E' il coro unanime dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, al presidio di protesta. "Poiché il Cup è un servizio indispensabile, oggi una parte dei lavoratori sono stati precettati ed è stato obbligatorio mantenere aperti il 50% degli sportelli - ha spiegato Stefania Gonnella, segretario della Cisl Fp Roma e Lazio con delega al terzo settore - I dati che ci arrivano dai territori, però, ci dicono che in tutti i presidi i lavoratori non precettati hanno risposto in maniera unanime allo sciopero". Sulla stessa lunghezza d'onda il responsabile del terzo settore della Uil Fpl, Pietro Bardoscia: "Siamo qui per far sentire la nostra voce e chiedere la salvaguardia dei livelli occupazionali, perché ad oggi non ci sono certezze. Il rischio al momento e'' che con il nuovo bando ci sia un esubero di circa 350 lavoratori, inaccettabile". Il segretario Fp Cgil con delega al terzo settore, Mauro Mastropietri, ha sottolineato che "lo sciopero è  stato confermato nonostante l'incontro di venerdì scorso perché la Regione continua a prospettare l'esubero del 20% dei lavoratori. E poi c'è un'anomalia: come mai questo secondo bando è stato gestito dalle stesse persone che si erano occupate del primo? Aspettiamo risposte".

Read 1750 times Last modified on Lunedì, 21 Settembre 2015 11:52

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Musica. Note fuori le righe

Pazzie d’amore

Nel 1978 Claudio Scimone e i Solisti veneti presentarono a Verona, in occasione del trecentenario della nascita di Antonio Vivaldi, l’Orlando Furioso con un cast eccezionale.Tre dischi che fecero storia...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077