Giovedì, 19 Maggio 2016 16:55

Pensionati in piazza.A un passo dallo sciopero generale. LE FOTO

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Questa volta i pensionati non ci stanno e sono decisi a tener la testa alta su questa battaglia di dignità. Non sono per nulla disposti a continuare ad essere "l'unico ammortizzatore sociale del Paese" nè "il bancomat del governo”.

Lo hanno ripetuto da Roma, in una gremitissima manifestazione a Piazza del Popolo: ”siamo in 60 mila" dicono gli organizzatori, tra bandiere, palloncini, tamburi e tanti slogan all'indirizzo del governo con cui i sindacati si incontreranno il 24 maggio prossimo. Un round atteso da oltre un anno che Cgil Cisl e Uil sperano faccia finalmente chiarezza delle tante indiscrezioni circolate in questi mesi sull'intervento con cui l''esecutivo intende rimettere mano alla legge Fornero e avviare un confronto reale. 

Ma il tema è da alta tensione, sul tavolo non solo la flessibilità in uscita e le eventuali penalizzazioni con cui consentire il pensionamento anticipato di lavoratori ma anche tutti gli interventi per tutelare il potere d'acquisto dei pensionati e quelli con cui assicurare un ingresso al lavoro e alla pensione ai giovani, oltre al capitolo ''reversibilità''. E' lo Spi Cgil di Ivan Pedretti ad accendere la miccia: "senza risposte dal governo chiederemo a Cgil, Cisl e Uil di andare avanti fino allo sciopero generale", dice. Un tasto delicato, questo, che infatti ricomincia ad incrinare il fronte unitario dei sindacati: Cgil e Uil lo ritengono inevitabile mentre la Cisl frena. ''Senza risposte è ragionevole pensare ad uno sciopero generale'', dice il leader Cgil Susanna Camusso. ''Le cose si fanno così, manifestando e scioperando se le risposte non ci sono'', aggiunge. In sintonia la Uil di Carmeno Barbagallo: "è'' l'ultima cosa da fare ma, se necessario e se dal governo non arrivano risposte, lo sciopero generale è inevitabile", dice. "Certo, prima si fanno le piattaforme, poi si presentano, poi si cercano soluzioni ma alla fine, senza risposta, non c'è altro da fare: cosa gli diciamo a chi aspetta la flessibilità, ai pensionati che aspettano assegni equi e ai giovani che aspettano la staffetta generazionale?", conclude. 

La priorità, comunque, ribadisce il leader della Cisl Anna Maria Furlan, "è creare un sistema pensionistico dignitoso per i tanti che non arrivano a fine mese e che tenga conto del fatto che lavorare fino a 66 anni non è possibile per tutti''. E la flessibilità in uscita dovrà rispondere per il sindacato a questa esigenza ma senza penalizzazioni. 'E'' una strada poco praticabile, questa, perchè le pensioni medie sono già molto basse'', conclude. 

FOTO DI LUCIANO DI MEO

Read 2040 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]