Print this page
Mercoledì, 23 Novembre 2016 08:34

Sindacati: medici pronti allo sciopero. Condizioni lavoro aggravate Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA-  "Un sit-in come primo atto di un percorso che si concludera' lunedi' 28 novembre con lo sciopero nazionale di tutta la categoria dei medici e veterinari per il contratto di lavoro, per le risorse che non sono adeguate e soprattutto perche' con il contratto di lavoro vengano risolte anche le condizioni di lavoro che si sono aggravate in questi anni".

Cosi' il presidente del sindacato dei medici Cimo, Riccardo Cassi, interpellato dall'agenzia Dire sulle motivazioni che hanno spinto i camici bianchi a confermare lo sciopero il prossimo 28 novembre. "Abbiamo presentato al ministro della Salute una serie di richieste- prosegue Cassi- tendenti a migliorare le condizioni del lavoro dei medici, e Beatrice Lorenzin ha detto che se ne sarebbe fatta carico per portarle al governo. A noi non resta che attendere per vedere se tutto cio' si concretizza nel maxiemendamento alla Legge di Bilancio che il governo presentera'". I sindacati medici, in particolare, vogliono ristabilire le risorse "non quelle aggiuntive- sottolinea Cassi- ma quelle che c'erano e che ci sono state tolte, tendenti a gratificare il merito e la competenza del medico, a incentivarne la produttivita', anche ai fini di abbattere le liste di attesa, e a consentire il welfare anche nelle aziende piu' pubbliche". Secondo Cimo, infatti, ormai la maggioranza dei medici sono donne e questo "e' un problema che forse vent'anni fa non c'era- spiega il suo presidente- mentre adesso e' sempre piu' sentito da tutti". Vi aspettate un incontro con il governo? "Non credo- dice Cassi- noi avevamo chiesto un incontro con il sottosegretario De Vincenti ma lui non ci ha convocato, quindi credo che a questo punto- conclude- il nostro interlocutore rimane il ministro Lorenzin".

Read 2075 times
Redazione

Correlati

Ultime da Redazione

Related items