Martedì, 16 Maggio 2017 12:38

Crisi. La ripresa stenta a decollare

Scritto da

ROMA - "Si confermano estremamente timidi i dati sul Pil diffusi oggi dall'Istat: +0,2% nel primo trimestre. La crescita sull'anno segna quota +0,8%. Un andamento che mostra tutta la fragilita' e l'incertezza di un sistema economico che stenta ad allontanare lo spettro della crisi.

Mancano ancora basi certe sulle quali fondare i presupposti per la crescita, per una ripresa vera e stabile. La via maestra per aprire questa nuova fase e' quella di intervenire sulla domanda interna e sulla redistribuzione dei redditi, attraverso una ripresa del mercato occupazionale. Le famiglie, infatti, continuano ad essere in affanno". Lo dichiarano Federconsumatori e Adusbef. "Sono appena di ieri le notizie relative all'impennata del tasso di inflazione, che cresce non sulla base di un aumento della domanda interna, bensi' sull'onda della crescita dei costi dell'energia e dei servizi di trasporto.

La disoccupazione non accenna a migliorare in maniera decisa, la domanda interna soffre per i rincari delle tariffe: e' evidente che, di fronte a tale andamento, le famiglie si trovano ad affrontare una situazione di forte difficolta', fatta di tagli e rinunce. Basti pensare a due settori chiave come quello dell'alimentazione e della salute, dove le famiglie, dal 2008 ad oggi, hanno ridotto i propri consumi, rispettivamente, del -12,6% e del -28,9%. Creare nuove opportunita' di lavoro significa aprire le porte alla crescita ed allo sviluppo. Significa alleggerire le famiglie di un onere pari a circa 450 Euro al mese, necessario a mantenere figli e nipoti disoccupati. Secondo le stime dell'O.N.F. - Osservatorio Nazionale Federconsumatori, se la disoccupazione tornasse a livelli pre-crisi (vale a dire a circa il 6%, livello ancora elevato a nostro avviso): - la capacita' di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di Euro l'anno (dal momento che le famiglie non sarebbero piu' costrette a destinare parte del loro bilancio al mantenimento di figli e nipoti disoccupati); - con i contributi di chi passerebbe da disoccupato ad occupato il fondo pensionistico avrebbe un incremento di circa 15 miliardi di Euro E' evidente, quindi, l'urgenza di mettere in atto concrete politiche per la ripresa occupazionale, che siano in grado di innescare un ciclo virtuoso nel nostro sistema economico: con la ripresa dell'occupazione, infatti, si conoscerebbe una crescita della domanda interna che, a sua volta, determinerebbe un incremento della produzione ed una ulteriore aumento della domanda occupazionale. E' questo il momento di dimenticare l'aumento dell'IVA (che, in qualsiasi modo venga dilazionato, avra' ricadute drammatiche sui bilanci delle famiglie e sull'intero andamento dell'economia) e di operare scelte coraggiose, che possano portare l'Italia finalmente e definitivamente fuori dalla crisi".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Coaching Cafè

Non solo coaching: Per quest’anno auguri di Buon Anno di Vuoto Parziale da non r…

Ogni Anno faccio i miei auguri a tutti, mi piace farli e li scrivo sempre con il cuore. A tal proposito, riflettevo in questi giorni, che i miei auguri sono...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077