Martedì, 11 Giugno 2019 09:38

Pressione fiscale, finalmente un “primato” italiano

Scritto da

Quando uno qualsiasi degli istituti o delle organizzazioni a carattere economico pubblica una classifica su questo o quell’indice di riferimento, l’Italia trema. 

ROMA - Pil, crescita, occupazione, produzione industriale e chi più ne ha, più ne metta; il nostro paese finisce quasi sempre in fondo alla classifica, spesso dietro a nazioni che conosciamo soltanto per via dei mondiali di calcio. Non tutti sanno che (inizio della parte sarcastica), in realtà, c’è qualcosa in cui l’Italia primeggia. Non sul podio, certo, ma siamo comunque davanti a superpotenze mondiali, e ciò dovrebbe generare in noi un certo sentimento di orgoglio. Stiamo parlando della pressione fiscale, classifica che vede l’Italia collocarsi al sesto posto dei paesi Ocse. Un dato (fine della parte sarcastica) sul quale occorrerebbe concentrarsi sul serio. 

Esattamente da martedì 4 giugno abbiamo iniziato a lavorare per spendere in vista delle nostre esigenze (cibo, viaggi, vestiti ecc.). Prima di questa data, invece, abbiamo lavorato per pagare le tasse. È il Tax Freedom Day, ossia il giorno in cui smetteremmo di pagare le tasse qualora le imposte venissero anticipate allo Stato. Si tratta di un evento simbolico, naturalmente, utile però a stabilire l’entità della pressione fiscale nei vari paesi; più a lungo cade la data, maggiore è l’impatto che le tasse assumono sui redditi dei lavoratori. 

Come anticipato, l’Italia brilla in negativo. Tanto per fare qualche esempio, in Germania il Tax Freedom Day del 2019 è caduto il 16 maggio, in Spagna il 1° maggio (ottimo modo per celebrare la festa dei lavoratori), nel Regno Unito il 30 aprile e negli Usa l’8 dello stesso mese. Meglio di noi anche Grecia (22 maggio) e Portogallo (8 maggio). Solo Francia, Danimarca, Belgio, Svezia, Finlandia e Austria sono messe peggio. La pressione fiscale in Italia supera il 42%, in crescita nel 2019 (42,4%) di circa mezzo punto rispetto all’anno precedente. Un salasso di proposizione imponenti, che richiede a gran voce una significativa e strutturale riforma del sistema fiscale, che passi non soltanto per il contrasto all’evasione.

L’evasione, certo. L’Italia ha un altro triste primato. Qui da noi, si raccoglie solo il 38% dei proventi derivanti dall’IVA, contro, ad esempio, il 95% della Nuova Zelanda. Solo il Messico fa peggio. Ma proprio il Messico ci mostra che la lotta all’evasione non basta: nel paese del centroamerica, il Tax Freedom Day è arrivato, il 29 febbraio! Evidentemente, dunque, con un meccanismo intelligente di prelievo fiscale si può affrontare a petto in fuori anche la piaga sociale, perché non va dimenticato che di questo si tratta, oltre che di una delle espressioni peggiori di furto ai danni della comunità, dell’evasione. 

Che fare, dunque? La proposta all’ordine del giorno è quella relativa alla Flat Tax, che tra sostenitori e detrattori ha fin qui soltanto chiarito che si tratta di tutto, meno che di Flat. L’idea che più verosimilmente verrà messa in atto vedrà una modifica delle aliquote Irpef, attualmente cinque, con una riduzione forse a due, quantomeno per evitare di incorrere nell’altolà della Costituzione, che parla chiaramente di sistema non solo proporzionale, ma anche progressivo. È la soluzione? Difficile a dirlo, i risultati in giro per il mondo mostrano dati contrastanti. Più interessante è forse il discorso laterale che accompagna il dibattito sulla Flat Tax, quello relativo alle detrazioni. Che sia la via maestra? Lo scopriremo. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]