Sabato, 28 Febbraio 2015 10:00

Evasione. E' boom di utilizzo del contante

Scritto da

VENEZIA - Cresce l’ammontare di banconote in circolazione nel nostro Paese.

Nel 2014 la massa monetaria complessiva ha sfiorato i 164,5 miliardi di euro. Negli ultimi 7 anni di crisi, fa sapere la CGIA,   l’incremento percentuale è stato del 30,4 per cento, a fronte di una variazione dell’incidenza delle banconote sul Pil del +2,4 per cento e di un aumento dell’inflazione che ha sfiorato il 10 per cento.

Nonostante l’Italia abbia il limite all’utilizzo del contante più basso d’Europa,  l’evasione fiscale non sembra averne risentito. Anzi, dall’analisi elaborata dall’Ufficio studi della CGIA, emerge un dato sorprendente: c’è pochissima correlazione tra la soglia limite all’uso di cartamoneta imposta per legge e il rapporto tra la base imponibile Iva non dichiarata e il Pil, vale a dire l’evasione fiscale.

Tra il 2000 e il 2012 (ultimo anno in cui i dati sono disponibili), a fronte di una soglia limite all’uso del denaro che è rimasta pressoché stabile fino al giugno 2008, l’evasione ha registrato un andamento altalenante fino al 2006 per poi scivolare progressivamente fino al 2010. Se tra il 2010 e  l’anno successivo  l’”asticella” del limite al contante si è ulteriormente abbassata (passando da 5.000 e 1.000 euro), l’evasione, invece, è salita fino a sfiorare il 16 per cento del Pil, per poi ridiscendere nel 2012 sotto quota 14 per cento.

Alla luce di questa comparazione possiamo affermare che non c’è una stretta correlazione tra l’uso della carta moneta e l’evasione fiscale. Anzi,  il minor utilizzo del contante può diminuire le possibilità di riciclaggio di denaro proveniente da attività illegali che, come sappiamo, non venivano però incluse nelle statistiche ufficiali riferiti all’evasione fiscale.

Tra i principali membri dell’Unione europea, ben 11 Paesi non prevedono alcun limite all’uso del contante. La Francia e il Belgio hanno una soglia  di spesa con la cartamoneta di 3.000 euro, la Spagna di 2.500 euro e la Grecia di 1.500 euro. L’Italia e il Portogallo, invece, manifestano la situazione più restrittiva: la soglia massima oltre il quale non si può più usare il contante è pari a 1.000 euro.

“Il diffusissimo uso del contante è correlato al fatto che in Italia ci sono quasi 15 milioni di unbanked – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA -  ovvero di persone che non hanno un conto corrente presso una banca. Un record non riscontrabile in nessun altro paese d’Europa. Non avendo nessun rapporto con gli istituti di credito, milioni di italiani non utilizzano alcuna forma di pagamento tracciabile, come la carta di credito, il bancomat o il libretto degli assegni. Questa specificità tutta italiana  va ricercata  nelle ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del nostro Paese. Non possiamo disconoscere – conclude Bortolussi - che molte persone di una certa età e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca. Del resto, i vantaggi economici non sono indifferenti, visto che i costi per la tenuta di un conto corrente sono in Italia i più elevati d’Europa.”

 

Banconote in circolazione in Italia 

 

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Var. % 2014/2008

Banconote in circolazione
(in mln di € alla fine di ciascun anno)

126.159

132.840

138.324

146.010

149.948

157.541

164.527

+30,4

Incidenza Banconote in circolazione su PIL
(in %)

7,7

8,4

8,6

8,9

9,2

9,7

10,2

+2,4

Indice prezzi al consumo (*)
(media annua)

97,7

98,5

100,0

102,8

105,9

107,2

107,4

+9,9

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Banca d'Italia, Istat e Commissione Europea

(*) Indice NIC dei prezzi al consumo; base 2010=100 

 

Limiti all’utilizzo del contante nei Paesi europei (2015)

Nazioni

Limite all'utilizzo del contante

economia sommersa
% del PIL

Italia (1)

€ 999,99

21,1%

Portogallo

€ 1.000

19,0%

Grecia

€ 1.500

23,6%

Spagna (2)

€ 2.500

18,6%

Belgio

€ 3.000

16,4%

Francia (3)

€ 3.000

9,9%

Islanda

nessun limite

 

Svezia

nessun limite

13,9%

Regno Unito

nessun limite

9,7%

Finlandia

nessun limite

13,0%

Germania

nessun limite

13,0%

Paesi Bassi

nessun limite

9,1%

Austria

nessun limite

7,5%

Slovenia

nessun limite

23,1%

Lituania

nessun limite

28,0%

Malta

nessun limite

24,3%

Cipro

nessun limite

25,2%

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati European Consumer Centre France e Commissione Europea

Note

Economia Sommersa In Italia, l’economia sommersa (al netto delle attività illegali) è stimata dall’ISTAT pari al 11,5% del PIL (ultimo dato disponibile relativo al 2011). La metodologia del nostro istituto di statistica è condivisa a livello europeo. Tuttavia, non sono disponibili stime sull’economia sommersa negli altri Paesi calcolati con questa metodologia. I dati che si propongono nella tabella, sono elaborati dal Prof. Schneider dell’Università di Linz in Austria, che utilizza una metodologia meno affidabile basata sul volume di moneta in circolazione. I dati si riferiscono al 2013.

Specifiche relative ai singolo Paesi:

(1)  In Italia i commercianti al minuto e le agenzie di viaggio e turismo possono accettare pagamenti sino a 15.000€ per l’acquisto di beni e prestazioni di servizi legate al turismo da parte di cittadini extracomunitari, a condizione di porre in essere specifici adempimenti burocratici;

(2)  In Spagna, il limite all’utilizzo del contante è di 2.500€ per i residenti e di 15.000€ per i non residenti;

(3)  In Francia, il limite all’utilizzo del contante è di 3.000€ per i residenti e di 15.000€ per i non residenti che agiscono come provati consumatori.

Come è cambiato il limite all’utilizzo del contante in Italia

Decorrenza

Limite utilizzo contante

Normativa di riferimento

dal 9 maggio 1991

€ 10.329

art 1 comma 1 D.L. 3 maggio 1991 n 143

dal 11 dicembre 2002

€ 12.500

art 1 D.M. 17 ottobre 2002

dal 30 aprile 2008

€ 5.000

art 49 D.Lgs 21 novembre 2007 n 231

dal 25 giugno 2008

€ 12.500

art 32 comma 1 lett. A D.L. 25 giugno 2008 n 112

dal 31 maggio 2010

€ 5.000

art 20 comma 1 D.L. 31 maggio 2010 n 78

dal 13 agosto 2011

€ 2.500

art 2 comma 4 D.L. 13 agosto 2011 n 138

dal 6 dicembre 2011

€ 1.000

art 12 comma 1 D.L. 6 dicembre 2011 n 201

Elaborazione Ufficio Studi CGIA 

Le variazioni del limite all’utilizzo al contante e la serie storica della base imponibile IVA non dichiarata

·         Linea nera: rappresenta l’andamento della soglia all’utilizzo del contante negli anni

·         Linea azzurra: rapporto tra base imponibile IVA non dichiarata e il PIL

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati Agenzia delle Entrate

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]