Menu
Crisi governo. Mattarella apre le consultazioni

Crisi governo. Mattarella apre le consultazioni

ROMA - Sono partite le prime consultazioni per la formazione...

Teatro Quirino. “L’uomo dal fiore in bocca”, secondo Lavia

Teatro Quirino. “L’uomo dal fiore in bocca”, secondo Lavia

ROMA - Se vi va di ascoltare due bravi attori,...

Tasse. Versati 300 miliardi in pià negli ultimi anni

Tasse. Versati 300 miliardi in pià negli ultimi anni

Una stangata da 30 miliardi di euro.

Egitto. Arrestata attivista per i diritti delle donne

Egitto. Arrestata attivista per i diritti delle donne

Azza Soliman, fondatrice del Centro di assistenza legale alle donne...

Legge di Bilancio: il Senato approva con 173 si' e 108 no

Legge di Bilancio: il Senato approva con 173 si' e 108 no

ROMA - Cala il sipario sulla legge di Bilancio in...

Turchia. Migliaia di Kurdi in fuga vittime di repressione

Turchia. Migliaia di Kurdi in fuga vittime di repressione

Decine di migliaia di abitanti di Sur, il centro storico...

Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

ROMA - Drammatico il rapportodell’Istat sulle 'Condizioni di vita e...

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

PARIGI - Il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve sostituira' il...

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

ROMA - Dopo il congelamento delle dimissioni di Matteo Renzi...

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Pesante attacco di Amnesty International nei confronti delle multinazionali che...

Prev Next

Pensioni. Il governo promette: alzeremo le minime

Pensioni. Il governo promette: alzeremo le minime

ROMA - Sembra che l’incontro tra governo e sindacati sia terminato con una promessa da parte dell’esecutivo, ovvero quella di alzare le pensioni minime. Un tema del quale si parla da tempi immemori, che però finora non ha trovato una soluzione fattiva.

Il governo Renzi , dal canto suo, promette non solo di lavorare sull'anticipo pensionistico per dare la possibilità di uscire prima rispetto ai requisiti della legge Fornero, "rinunciando a qualcosa", ma sta valutando "interventi sulle pensioni minime", che sono "troppo basse".  Oggi i trattamenti minimi si aggirano sui 500 euro al mese. In ballo anche l'ipotesi dell'estensione degli 80 euro.  Quello di ieri, tuttavia, è stato un primo incontro per definire "l'agenda", a cui ne seguiranno altri due, in tempi brevi, per affrontare nel merito "i due grandi capitoli": la previdenza e il lavoro. 

E' un confronto che si apre "dopo lungo tempo. Non è una novità da poco", ammette il numero uno della Cgil, Susanna Camusso. Nei prossimi incontri "di merito misureremo anche se il confronto si traduce in una effettiva disponibilità a costruire soluzioni o si limita all'ascolto", aggiunge. "Dal punto di vista del metodo abbiamo iniziato col piede giusto. Vedremo se sarà così anche nel merito", afferma sulla stessa linea il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo. Parla di "giornata positiva" il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, auspicando che "segni davvero un cambio di passo nel rapporto tra governo e sindacati". L'intenzione, spiega Poletti, è di arrivare "laddove possibile a soluzioni condivise"; obiettivo che "non modifica le responsabilità" di ciascuno e quella del governo "è di prendere decisioni", ribadisce il ministro del Lavoro. Mentre il premier parla di concertazione dicendo che va bene ma "non pensiamo che sia la coperta di Linus della quale non si può fare a meno. Se c'è siamo più contenti e se si possono fare gli accordi noi siamo qui". Sul capitolo previdenza, inoltre, Renzi torna ad assicurare che "non ci sono ipotesi di interventi sulle pensioni di reversibilità", mentre in tema di lavoro ribadisce l'intenzione di "rendere stabile la riduzione del cuneo fiscale". Sul tappeto, poi, ci sarebbe anche l'ipotesi di un intervento per rendere meno oneroso il riscatto della laurea. L'ipotesi, che trova qualche conferma, avrebbe il pregio di consentire un accorciamento dei tempi per andare in pensione ma ovviamente con minori contributi versati e quindi con una riduzione dell'assegno mensile.

 

Ultima modifica ilMercoledì, 25 Maggio 2016 07:22
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208