Menu
Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

ROMA - Drammatico il rapportodell’Istat sulle 'Condizioni di vita e...

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

PARIGI - Il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve sostituira' il...

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

ROMA - Dopo il congelamento delle dimissioni di Matteo Renzi...

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Pesante attacco di Amnesty International nei confronti delle multinazionali che...

Referendum: il no stravince. Renzi sfiduciato dagli italiani

Referendum: il no stravince. Renzi sfiduciato dagli italiani

La nuova casta dell’Esecutivo Renzi se ne torna a casa....

Referendum. Vince il No. Renzi si dimette, il popolo è sovrano

Referendum. Vince il No. Renzi si dimette, il popolo è sovrano

ROMA - Se vince il no lascio Palazzo Chigi e...

Austria, il nuovo presidente "verde" è Alexander Van der Bellen

Austria, il nuovo presidente "verde" è Alexander Van der Bellen

VIENNA - In Austria il verde Alexander Van der Bellen è...

Piccolo Eliseo. “Risorgi”. Ogni battuta vale il biglietto

Piccolo Eliseo. “Risorgi”. Ogni battuta vale il biglietto

ROMA - Si va a teatro per assistere a una...

Austria, elezioni presidenziali. Sfida tra verdi e ultra destra

Austria, elezioni presidenziali. Sfida tra verdi e ultra destra

VIENNA - Urne aperte in Austria per le elezioni presidenziali...

Referendum, urne aperte fino alle 23, votano 46 milioni di italiani

Referendum, urne aperte fino alle 23, votano 46 milioni di italiani

ROMA  - Urne aperte dalle 7 di questa mattina e...

Prev Next

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

ROMA - Il Presidente del Consiglio ha annunciato un intervento sulle pensioni minime, giudicate troppo basse, ma ha taciuto l’effetto collaterale di tale aumento. Numerosi lavoratori accederanno infatti a pensione più tardi proprio a causa di questo aumento. Ma, attenzione, in questo caso si parla proprio di un automatismo, vediamo perché.

Pensione di vecchiaia per chi ha cominciato a lavorare dopo il 1 gennaio 1996

La pensione a questa classe di lavoratori spetta al compimento dei 70 anni con 5 anni lavoro o al compimento, dal 2019, dell’età di 66 anni e 7 mesi ma con 20 anni di contribuzione ma solo se “l’importo della pensione risulta non inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale (c.d. importo soglia) “

Perché scatta il ritardo

Oggi l’assegno sociale è pari ad euro 448,52 per 13 mensilità, 5830,76 euro annui. Un lavoratore che compia l’età minima per il diritto alla pensione di vecchiaia, ricordiamo 66 anni e 7 mesi dal 2019, e che abbia maturato 25, 30 o 35 anni di contribuzione potrà quindi andare in pensione se, e solo se, la pensione sia 1,5 volte l’assegno sociale. Quindi potranno realmente accedere a pensione i lavoratori la cui pensione sia superiore a 728,84 euro mensili,  8.746,14 euro annui (cioè 5830,76 per 1,5).

L’intervento promesso da Renzi, l’innalzamento dei trattamenti minimi e sociali, comporta però l’innalzarsi della quota di soglia minima. Se ad esempio l’assegno sociale venisse alzato di una cinquantina d’euro, portandolo a 500 euro mensili, 6.500 euro annuali, il livello di soglia passerebbe a 9750 euro annuali, un incremento di oltre mille euro annuali. I più colpiti sarebbero quindi i lavoratori con bassi redditi o con carriere discontinue, che si troverebbero ‘incastrati’ al lavoro, con contributi sufficienti per avere una pensione più alta della pensione sociale ma insufficiente per fare scattare l’assegno vero.

Una soluzione

La soluzione più semplice sarebbe il superamento, l’abolizione della soglia minima, se un lavoratore con 25 anni di contributi ha maturato il diritto ad una pensione anche di poco superiore all’assegno sociale dovrebbe avere il diritto di smettere di lavorare, resterebbero in piedi i 20 anni di contributi ed i 66 anni e 7 mesi, francamente non mi sembra poco.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208