Menu
“Our War”,  ignoti e armati contro l’ISIS

“Our War”, ignoti e armati contro l’ISIS

In uscita il documentario sul mondo sconosciuto di chi combatte...

Teatro Olimpico. Supermagic  dal 26 gennaio al 5 febbraio

Teatro Olimpico. Supermagic dal 26 gennaio al 5 febbraio

SUPERMAGIC 2017 “Prodigi”  Festival Internazionale della Magia - 14ª edizione

Le agenzie di rating e le responsabilità della Bce

Le agenzie di rating e le responsabilità della Bce

Come prevedibile, le agenzie di rating sono tornate al centro...

Europarlamento, con  Tajani maggioranza di centrodestra

Europarlamento, con Tajani maggioranza di centrodestra

STRASBURGO - L’elezione di Antonio Tajani alla presidenza del Parlamento...

World Economic Forum di Davos. E' crisi della classe media

World Economic Forum di Davos. E' crisi della classe media

DAVOS - Se non ora, quando? E' l'interrogativo lanciato dal...

Istanbul. Confessa il presunto autore della strage di Capodanno

Istanbul. Confessa il presunto autore della strage di Capodanno

Abdulgadir Masharipov, l'uomo arrestato ieri a Istanbul per la strage...

Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

ROMA  - E' quasi tutto pronto a Washington per il...

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

ROMA  - "Sono in corso in questi giorni contatti con...

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

ROMA – “La Divina”, satira della Commedia che vede il...

Prev Next

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

ROMA - Il Presidente del Consiglio ha annunciato un intervento sulle pensioni minime, giudicate troppo basse, ma ha taciuto l’effetto collaterale di tale aumento. Numerosi lavoratori accederanno infatti a pensione più tardi proprio a causa di questo aumento. Ma, attenzione, in questo caso si parla proprio di un automatismo, vediamo perché.

Pensione di vecchiaia per chi ha cominciato a lavorare dopo il 1 gennaio 1996

La pensione a questa classe di lavoratori spetta al compimento dei 70 anni con 5 anni lavoro o al compimento, dal 2019, dell’età di 66 anni e 7 mesi ma con 20 anni di contribuzione ma solo se “l’importo della pensione risulta non inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale (c.d. importo soglia) “

Perché scatta il ritardo

Oggi l’assegno sociale è pari ad euro 448,52 per 13 mensilità, 5830,76 euro annui. Un lavoratore che compia l’età minima per il diritto alla pensione di vecchiaia, ricordiamo 66 anni e 7 mesi dal 2019, e che abbia maturato 25, 30 o 35 anni di contribuzione potrà quindi andare in pensione se, e solo se, la pensione sia 1,5 volte l’assegno sociale. Quindi potranno realmente accedere a pensione i lavoratori la cui pensione sia superiore a 728,84 euro mensili,  8.746,14 euro annui (cioè 5830,76 per 1,5).

L’intervento promesso da Renzi, l’innalzamento dei trattamenti minimi e sociali, comporta però l’innalzarsi della quota di soglia minima. Se ad esempio l’assegno sociale venisse alzato di una cinquantina d’euro, portandolo a 500 euro mensili, 6.500 euro annuali, il livello di soglia passerebbe a 9750 euro annuali, un incremento di oltre mille euro annuali. I più colpiti sarebbero quindi i lavoratori con bassi redditi o con carriere discontinue, che si troverebbero ‘incastrati’ al lavoro, con contributi sufficienti per avere una pensione più alta della pensione sociale ma insufficiente per fare scattare l’assegno vero.

Una soluzione

La soluzione più semplice sarebbe il superamento, l’abolizione della soglia minima, se un lavoratore con 25 anni di contributi ha maturato il diritto ad una pensione anche di poco superiore all’assegno sociale dovrebbe avere il diritto di smettere di lavorare, resterebbero in piedi i 20 anni di contributi ed i 66 anni e 7 mesi, francamente non mi sembra poco.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208