Menu
Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Prev Next

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

Toccare le pensioni minime ritarderà il pensionamento dei giovani

ROMA - Il Presidente del Consiglio ha annunciato un intervento sulle pensioni minime, giudicate troppo basse, ma ha taciuto l’effetto collaterale di tale aumento. Numerosi lavoratori accederanno infatti a pensione più tardi proprio a causa di questo aumento. Ma, attenzione, in questo caso si parla proprio di un automatismo, vediamo perché.

Pensione di vecchiaia per chi ha cominciato a lavorare dopo il 1 gennaio 1996

La pensione a questa classe di lavoratori spetta al compimento dei 70 anni con 5 anni lavoro o al compimento, dal 2019, dell’età di 66 anni e 7 mesi ma con 20 anni di contribuzione ma solo se “l’importo della pensione risulta non inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale (c.d. importo soglia) “

Perché scatta il ritardo

Oggi l’assegno sociale è pari ad euro 448,52 per 13 mensilità, 5830,76 euro annui. Un lavoratore che compia l’età minima per il diritto alla pensione di vecchiaia, ricordiamo 66 anni e 7 mesi dal 2019, e che abbia maturato 25, 30 o 35 anni di contribuzione potrà quindi andare in pensione se, e solo se, la pensione sia 1,5 volte l’assegno sociale. Quindi potranno realmente accedere a pensione i lavoratori la cui pensione sia superiore a 728,84 euro mensili,  8.746,14 euro annui (cioè 5830,76 per 1,5).

L’intervento promesso da Renzi, l’innalzamento dei trattamenti minimi e sociali, comporta però l’innalzarsi della quota di soglia minima. Se ad esempio l’assegno sociale venisse alzato di una cinquantina d’euro, portandolo a 500 euro mensili, 6.500 euro annuali, il livello di soglia passerebbe a 9750 euro annuali, un incremento di oltre mille euro annuali. I più colpiti sarebbero quindi i lavoratori con bassi redditi o con carriere discontinue, che si troverebbero ‘incastrati’ al lavoro, con contributi sufficienti per avere una pensione più alta della pensione sociale ma insufficiente per fare scattare l’assegno vero.

Una soluzione

La soluzione più semplice sarebbe il superamento, l’abolizione della soglia minima, se un lavoratore con 25 anni di contributi ha maturato il diritto ad una pensione anche di poco superiore all’assegno sociale dovrebbe avere il diritto di smettere di lavorare, resterebbero in piedi i 20 anni di contributi ed i 66 anni e 7 mesi, francamente non mi sembra poco.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208