Giovedì, 04 Aprile 2013 17:20

Ambiente, Istat. Per ogni abitante 30,3 mq di verde. Aumentano gli orti

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - "Nel 2011, il verde urbano rappresenta il 2,7% del territorio dei comuni capoluogo di provincia (oltre 550 milioni di metri quadri). Il 14,8% della superficie comunale e' inclusa in 'aree naturali protette', mentre la superficie agricola utilizzata (Sau) e' pari al 45,5% del territorio.

Ogni abitante dispone mediamente di 30,3 metri quadri di verde urbano". Questi alcuni dati registrati dall'Istat e resi noti oggi. Le disponibilita' piu' contenute di verde urbano "si rilevano al Centro (23 m2 per abitante) e al Nord-ovest (24,3 m2)- prosegue l'Istat-

Nelle citta' del Nord-est il valore medio e' quasi doppio rispetto a quelle del Centro e del Nord-ovest (45,4 m2 per abitante) e anche nel Mezzogiorno e' comparativamente elevato (37,1 m2 tra le citta' del Sud e 26,7 m2 nelle Isole)".  Sono, poi, "43 i capoluoghi con un 'profilo verde' definito dalle seguenti caratteristiche: consistente dotazione delle superfici destinate a verde urbano (19 citta') e, oltre a questa, incidenze superiori alla media delle aree naturali protette (11 citta') o delle superfici destinate a uso agricolo (ulteriori 11 citta'), mentre solo due citta' possiedono tutte e tre le suddette caratteristiche". Nel 15% circa dei capoluoghi "la disponibilita' di verde urbano e' pari o superiore ai 50 m2 per abitante, mentre nel 17,7% non si raggiunge la soglia dei 9 m2 pro capite", sottolinea l'Istat.

"Circa un quinto delle citta' presenta valori superiori alla media sia per densita' che per disponibilita' del verde urbano: tra queste Sondrio, Trento, Potenza e Matera. Bassi valori di entrambi gli indicatori caratterizzano invece la meta' dei capoluoghi (quasi il 70% tra quelli del Sud)", rileva l'Istat.

Le aree "del 'verde storico' e dei 'parchi ville e giardini di non comune bellezza' (cioe' le superfici a verde tutelate dal Codice dei beni culturali) rappresentano circa un terzo del verde urbano- continua l'Istat- le aree a 'verde attrezzato' il 15,9%, quelle dell''arredo urbano' il 9,4%, le 'aree sportive all'aperto' il 3,8%, i 'giardini scolastici' il 3,4%, il 2,4% le aree della 'forestazione urbana'. Una tipologia di verde in crescente diffusione nelle citta' "sono gli 'orti urbani', attivati in ben 44 amministrazioni- sottolinea l'Istat- In 58 comuni le aree a verde urbano includono 'orti botanici'". Gli strumenti di pianificazione e gestione del verde urbano "sono poco utilizzati dalle amministrazioni: meno di un quinto dei comuni ha approvato il Piano del verde, e il 45,7% ha adottato un Regolamento del verde". Il censimento del verde "e' stato invece effettuato dal 70,7% delle citta'; tra quelle di maggiori dimensioni solo Milano, Venezia, Bologna e Palermo hanno adottato tutti questi strumenti di gestione territoriale", conclude l'Istat. (DIRE)

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077