Mercoledì, 13 Ottobre 2010 09:22

L’incognita Fini sulle elezioni

Scritto da

Col Pd terremotato, forse lui potrebbe seppellire il Cavaliere

Una tregua, soltanto una tregua. Centro-destra e centro-sinistra si stanno in realtà preparando a quella che si prospetta come una delle campagne elettorali più dure degli ultimi tempi. Silvio Berlusconi le rimanderebbe volentieri le elezioni ma Umberto Bossi lo pressa e lo stesso Gianfranco Fini non mostra di voler continuare a fare il tappetino per approntare il salvacondotto per i guai giudiziari del ducetto di Arcore. Una rottura fra Berlusconi e Fini è alle porte e segnerà indelebilmente il corso della XV legislatura.

D’altronde, i sondaggi sembrano tuttora favorire il centro-destra. Secondo Euromedia Research (sondaggio effettuato il 6 ottobre scorso), Pdl-Lega avrebbe il 43% dei suffragi contro il 39% del centro-sinistra (Pd, Idv, Fs, Sel), con Fini al 3% e Casini quasi al 7%. Ma i risultati di un altro sondaggio (Cfi group per Onda-La7) danno un Pd terremotato al 22,6% e Vendola addirittura al 6,2% (5,8% per Mannheimer), Grillo stabile al 2%, Idv all’8%. Se diminuisce il Pd e aumentano Idv e Sel il risultato non cambia, evidentemente.

Ma la vera incognita elettorale è il peso che potrà avere il partito di Fini. In teoria dovrebbe raccogliere i voti di coloro che credono giunto il momento di una destra moderna e laica, lontana mille miglia dagli affari di famiglia della cricca berlusconiana. Fini, da questo punto di vista, è cresciuto enormemente negli ultimi dieci anni, segnando il confine fra un leader intelligente e duttile, un vero “animale politico” e un capo-azienda del tutto lontano dagli interessi della collettività, stritolato dai guai giudiziari e da una lotta senza quartiere alla magistratura. Se una parte dell’elettorato di destra mostrerà fiducia nel generoso tentativo dei finiani, ciò potrebbe rappresentare la vera tomba politica per il Cavaliere, fermo restando l’incapacità del Pd di attrarre  nuove fette dell’elettorato.

Ma le incognite sono tantissime e del tutto peculiari ad una situazione in cui, pare ancora incredibile, una delle parti in causa, detentore del potere esecutivo, possiede il 90% del sistema televisivo. Ci si può immaginare la forza di una campagna elettorale bombardata dai “servizi” di Mimun, di Minzolini, del terribile trio Feltri-Sallusti-Porro. E’ molto probabile che Berlusconi, come avvenne già nel 2006 (quando sfiorò il pareggio con Prodi) insegua gli indecisi (stimati attualmente intorno al 20% dell’elettorato attivo) con un martellamento quotidiano concentrato nelle trasmissioni mattutine, rivolto ad un target di massaie e pensionati a corto di idee politiche e, quindi, più sensibili ai messaggi emozionali, per quanto bugiardi, del Cavaliere. Lì si giocherà la partita, unitamente ad un sistema elettorale che assegna la vittoria alla coalizione che conquista semplicemente la maggioranza relativa dei voti (ad esempio, il 28-30%). Berrlusconi così può vincere: grazie alle televisioni e al “porcellum”, in un contesto da regime plebiscitario-putiniano, quello che ama di più.

Fulvio Lo Cicero

Romano, laureato in Scienze politiche, pubblicista. Docente di economia politica, si occupa anche di fotografia. Ha pubblicato "Principi di economia politica" (Milano, 1992) e "Inquisitori ed eretici. Il demone della verità nella narrativa di Leonardo Sciascia" (Roma, 2005) 

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077