Martedì, 13 Settembre 2016 08:09

Grillo lancia l’ashtag #DilloAlGiornalista

Scritto da

ROMA - Dopo il post di Virginia Raggi sui giornalisti piazzati sotto la sua abitazione, Grillo lancia l’ashtag #DilloAlGiornalista.

Una reazione su quei cronisti disattenti che spesso e volentieri evitano di dare certre notizie: “Stagnazione, disoccupazione, sfiducia”, scrive Grillo. “I media dovrebbero mettere il Bomba davanti ai suoi continui fallimenti, ma preferiscono tacere. Tv e quotidiani sono diventati mezzi di distrazione di massa o forse i giornalisti sono una massa di distratti che non si accorgono di quello che sta succedendo nel Paese. Aiutiamoli e togliamogli questo alibi. Segnaliamo ai giornalisti i fatti drammatici che solo loro non vedono utilizzando l'hashtag #DilloAlGiornalista!. Di seguito alcune notizie degli ultimi giorni che sono passate in sordina da segnalare ai giormalisti distratti:

i licenziamenti, nel secondo trimestre 2016, sono aumentati del +7,6% rispetto al secondo trimestre 2015 (+15.264) e del +17,8% sul primo trimestre di quest’anno. Le assunzioni a tempo indeterminato sono diminuite del 29% rispetto ad un anno fa (-163.000): il Jobs Act è quindi evaporato appena i costosi incentivi del Governo sono stati diminuiti”.
E ancora: “Le assunzioni a tempo indeterminato sono state solo il 16% del totale: altro che fine del precariato. I contratti di apprendistato sono aumentati del 26%: ai contratti stabili si sostituisce il precariato spinto, per non parlare della continua esplosione dei voucher. Sul fronte dei nuovi contratti solo l’agricoltura tiene, mentre nell’industria (-13,5%) e nei servizi (-14,6%) il calo è a due cifre. I prepensionamenti per le donne sono diminuiti del 47%, a causa dell’inasprimento dei requisiti di vecchiaia. Per la prima volta dal 1945 il numero dei laureati disponibili per le imprese sta smettendo di crescere, l’Italia ha una delle quote di abbandono universitario più alte in Europa (45%), e una delle più basse di laureati fra i 30 e i 34 anni.”
E non finisce qui: “Il debito pubblico raggiunge un nuovo record ogni mese e nei primi sei mesi dell'anno è aumentato di 78,9 miliardi di euro, una cifra pazzesca, mai era accaduta una cosa del genere in passato. Il Pil si è fermato del tutto nel secondo semestre. La fiducia di imprese e consumatori ad agosto è in netto calo. Le vendite al dettaglio di luglio sono in discesa.2

Insomma, una sorta di memorandum affinchè i giornalisti non dimentichino i fatti taciuti del Paese.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: il lato buono del conflitto nelle relazioni interpersonali

il conflitto è una componente naturale e può rivelarsi produttiva nell'ambito delle relazioni interpersonali o professionali, e per comprenderne il valore, in prima battuta, proviamo ad analizzare la questione da...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208