Domenica, 02 Ottobre 2016 10:17

Ponte Stretto. Del Rio: "pronti a mettere soldi pubblici". Sono queste le priorità del Paese?

Scritto da

ROMA  - "Lo Stato e' pronto a mettere soldi pubblici" per la realizzazione del Ponte sullo Stretto.

Lo dice il ministro per le Infrastrutture, Graziano Delrio, al Corriere della Sera. "Sulle altre priorita' abbiamo fatto molto - continua Delrio. Abbiamo stanziato un miliardo di euro per la cura delle periferie" e "solo per la manutenzione delle strade in Sicilia abbiamo stanziato un miliardo di euro nei prossimi cinque anni. Nel 2018 la linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria avra' una velocita' media di 140 chilometri orari contro gli 80 di adesso. Il Ponte non e' una cattedrale nel deserto". "Non capisco dove sarebbe il problema se lo Stato ci dovesse mettere delle risorse pubbliche - continua il ministro -. Stiamo mettendo 4 miliardi sul tunnel del Brennero, 6 sull'alta velocita' Milano-Venezia, altri 6 sulla Napoli-Bari". In ogni caso, dice Delrio "per il ponte sullo Stretto siamo ancora allo studio di fattibilita'. Nella legge di Bilancio ci concentreremo sulla casa. A partire dal rafforzamento del bonus fiscale per la messa in sicurezza contro il rischio sismico".  

Non è escluso che l'affermazione di Del Rio possa scatenare una valanga di polem iche, considerando che le priorità del paese sono ben altre.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077