Mercoledì, 05 Ottobre 2016 14:09

Referendum, Civati: "Benigni fa sorridere"

Scritto da

ROMA - "Dice Benigni che se vincessero i No "il morale" andrebbe "a terra". Peggio della Brexit, dice Benigni, ripetendo frasi affermate poi smentite poi riaffermate da molti esponenti dell'attuale governo.

L'argomento asteroide, su cui già ci siamo soffermati. Non si capisce che cosa c'entri un referendum costituzionale con un referendum per uscire dall'Europa. In Europa ci vogliamo restare con la nostra Costituzione, quella con cui abbiamo fondato le Comunità europee, e con i diritti che riconosce e che sono stati ripresi nella Carta dei diritti. Ci vogliamo stare con più rappresentanza, non meno". Lo ha affermato in una dichiarazione il parlamentare di Possibile Pippo Civati "Caro Benigni, ti vogliamo bene, ma non basta il tuo sì per convincerci. Soprattutto se le motivazioni attengono il morale, l'asteroide tipo Brexit e la futura revisione costituzionale", ha aggiunto. "Ma c'è una frase più di tutte - ha proseguito Civati- che colpisce: "No, non accadrà mai più". Se vince il No, non si cambierà più la Costituzione? E perché mai?

La Costituzione è stata cambiata per l'articolo 81 subito dopo la bocciatura del cambiamento proposto da Berlusconi del 2006. E questa stessa modifica, ampia quasi quanto quella del 2006 (anche quella per il superamento del bicameralismo perfetto), è stata portata a conclusione dalle Camere nonostante quel NO. Cosa vuol dire che se si vota no non si potrà più cambiare la Costituzione? È un assoluto non senso. Se vince il no rimangono intatti i procedimenti di revisione, che hanno già consentito di cambiare molte volte articoli o parti della Costituzione. Peraltro, Benigni sa che se passasse la 'riforma' proposta gli improbabili senatori parteciperebbero a pieno titolo alla revisione costituzionale? E che affidare la riforma a un Senato dopolavoristico rischia di renderla più difficile, proprio quella riforma? Il rischio è in effetti proprio opposto: sarà molto difficile cambiare se vince il sì. Quello sarebbe un sì conservatore. O meglio autoconservatore".  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077