Mercoledì, 02 Novembre 2016 07:40

Terremoto. Franceschini: nel dl norme straordinarie per beni culturali

Scritto da

ROMA - "Nell'imminente decreto legge annunciato dal presidente del Consiglio inseriremo norme straordinarie per i beni culturali. Certe regole troppo vincolanti sono nemiche della necessaria velocità.

I Comuni, le soprintendenze, la Protezione civile potranno agire subito con una chiamata diretta del direttore dei lavori e di una ditta per interventi immediati". Lo ha detto il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini  a proposito degli interventi per chiese ed edifici storici del centro Italia che hanno subìto danni a causa dei terremoti. "Ho difeso, difendo e difenderò il grande lavoro delle sovrintendenze e della macchina del ministero che si è attivata dall'alba del 24 agosto e non si è mai, dico mai, fermata creando 120 squadre, con 980 valutazioni di immobili e la messa in sicurezza di 1.550 beni mobili nei tre depositi temporanei. Abbiamo applicato la nuova direttiva del 23 aprile 2015 per i danni ai beni culturali in caso di catastrofi naturali: evita incertezze e improvvisazioni", ha proseguito il titolare del Mibact. "Lo dico a chi cita sempre l'articolo 9 della Costituzione e poi ora critica, pur di fare banale politica, quelle sovrintendenze che, dalla loro creazione, hanno salvaguardato il nostro patrimonio e il nostro paesaggio", ha aggiunto.  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077