Martedì, 15 Novembre 2016 21:31

Renzi, veto su bilancio Ue 2020-2026

Scritto da

ROMA - "La riserva di oggi è l'anticamera del veto che potremmo esprimere sul nuovo bilancio" europeo per il 2020-2026. Lo ha detto il premier Matteo Renzi. "Il bilancio europeo 2014-2020 - ha spiegato Renzi - è deciso dal governo Monti del 2012.

E sono numeri negativi per l'Italia: mettiamo 20 miliardi e ne prendiamo 12. Questi 8 miliardi di nostro contributo vanno all'Ungheria, alla Slovacchia, ad altri Paesi, in nome della solidarietà europea. Così è per una decisione di Monti. Io ho detto: se alcuni Paesi pensano di essere altruisti e solidali solo se c'è da prendere soldi, noi quando ci sarà da discutere del bilancio 20120-2026 siamo pronti a mettere il veto

Quella di oggi è una riserva, non siamo in grado di poterlo bloccare, ma esprimiamo il nostro disaccordo: in particolare non voglio che costruiscano i muri con i miei soldi". Renzi ha poi chiarito che "non ho alcuna riserva verso l'ideale europeo. Il mio cuore è a Ventotene, credo in un'Italia che costruisce una forza europea. Ma l'Europa deve provare ad avere uno sguardo ampio sul mondo, non può essere quella dell'egoismo e dei muri, con un atteggiamento anti-italiano sulla questione migratoria. Non possiamo fare la figura di quelli che si fanno prendere in giro nè possiamo non dare risposte a quelli che muoiono nel Mediterraneo o lasciare la Sicilia da sola". 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077