Lunedì, 05 Dicembre 2016 09:12

Bocciata dagli italiani anche Maria Elena Boschi che scoppia in lacrime

Scritto da

ROMA - Silvio Berlusconi disse una volta di Maria Elena Boschi che era troppo bella per essere comunista.

Ma si sbagliava, perchè la ministra delle Riforme di sinistra non ha mai avuto nulla. Infatti così rispose all’epoca al Cavaliere: “Solo lei pensa che i comunisti esistano ancora”. Ma ieri la sua riforma  è stata solennemente bocciata dagli italiani, tant’è che al Nazareno non è riuscita a trattenere le lacrime. Come ha ben descritto Massimo Cacciari, questo Esecutivo assieme al suo premier paga per la presunzione di sapere. In questo paese le cose da fare erano davvero tante, ma Renzi ha preferito concentrarsi su una riforma tralasciando completamente la reale situazione socio economica dell’Italia. La Boschi, definita da sempre copme il braccio destro di Renzi, termina qui il suo percorso istituzionale, almeno per ora, bloccata da un no che pesa come un macigno su  di lei e su questo governo. Neanche la scivolata contro l’Anpi ha funzionato. La ministra se l’era addirittura presa con i partigiani. “Quelli veri votano s’”, aveva detto. Ma ancora una volta la Boschi si è sbagliata.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Surriscaldamento globale. L’oceanologo Furio Ruggiero : “I nostri discendenti si…

Checché ne dica il presidente americano Trump, che nega il fenomeno del surriscaldamento globale, la temperatura media della terra è in costante aumento, i ghiacciai si sciolgono, il livello degli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Come difendersi dalle furbizie del mercato. Incontro con Massimiliano Dona, pres…

Le aziende fornitrici di servizi pubblici che mandano le bollette di pagamento ogni 28 giorni, inventandosi così il tredicesimo mese dell’anno, e di fatto aumentano le tariffe. Le compagnie telefoniche...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077