Lunedì, 05 Dicembre 2016 09:12

Bocciata dagli italiani anche Maria Elena Boschi che scoppia in lacrime

Scritto da

ROMA - Silvio Berlusconi disse una volta di Maria Elena Boschi che era troppo bella per essere comunista.

Ma si sbagliava, perchè la ministra delle Riforme di sinistra non ha mai avuto nulla. Infatti così rispose all’epoca al Cavaliere: “Solo lei pensa che i comunisti esistano ancora”. Ma ieri la sua riforma  è stata solennemente bocciata dagli italiani, tant’è che al Nazareno non è riuscita a trattenere le lacrime. Come ha ben descritto Massimo Cacciari, questo Esecutivo assieme al suo premier paga per la presunzione di sapere. In questo paese le cose da fare erano davvero tante, ma Renzi ha preferito concentrarsi su una riforma tralasciando completamente la reale situazione socio economica dell’Italia. La Boschi, definita da sempre copme il braccio destro di Renzi, termina qui il suo percorso istituzionale, almeno per ora, bloccata da un no che pesa come un macigno su  di lei e su questo governo. Neanche la scivolata contro l’Anpi ha funzionato. La ministra se l’era addirittura presa con i partigiani. “Quelli veri votano s’”, aveva detto. Ma ancora una volta la Boschi si è sbagliata.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Cultura

Opinioni

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Terzo Congresso Nazionale ISCCA: "THE FUTURE FLOWS"

Il terzo Congresso Nazionale dell’ISCCA (Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare) sarà ospitato quest’anno a novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città del...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077