Venerdì, 23 Dicembre 2016 19:43

Orlando: sanzioni più severe per i reati sui beni culturali

Scritto da

ROMA - "La riforma tende a dare centralità nell'ambito del sistema penale alla tutela del patrimonio culturale, in piena conformità ai precetti costituzionali".

Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha commentato l'approvazione in Consiglio dei Ministri del provvedimento che inasprisce le pene per i mercanti clandestini di opere d'arte. "La Costituzione infatti - ha continuato Orlando - impone che si dia prevalenza al patrimonio collettivo storico e artistico rispetto al patrimonio individuale dei singoli. In questa direzione si dà maggiore severità alle sanzioni per i reati che colpiscono il patrimonio culturale e si rendono più incisivi gli strumenti investigativi delle forze di polizia e della magistratura". "Inoltre la misura assume particolare rilevanza e attualità essendo il traffico di opere d'arte una delle principali fonti di finanziamento del terrorismo internazionale. In coerenza con questa scelta - ha concluso il Guardasigilli - l'Italia ha sostenuto in sede europea l'inserimento nella direttiva antiterrorismo di specifiche misure in grado di contrastare questo grave crescente fenomeno".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077