Mercoledì, 25 Gennaio 2017 11:06

Raggi, Argentin (Pd): a M5s va bene un sindaco indagato

Scritto da

ROMA - "Caro M5S, complimenti, veramente bravi! Nelle scorse settimane avete fatto un regolamento calzante perfettamente alla vostra sindaca Raggi.

Mi ricordo quando eravate un po' più onesti e trasparenti e gridavate contro Mafia Capitale, urlando che voi avreste cacciato chiunque fosse anche minimamente sospettato di essere indagato. Cos'è successo? Oggi la vostra sindaca Raggi viene indagata e voi minimizzate e non avete nulla da dire?" Lo afferma in una dichiarazione la deputata Pd Ileana Argentin. "Io - ha aggiunto- sulla povera Virginia non dico nulla, sarebbe come sparare sulla Croce Rossa e ritengo sia la magistratura che debba fare il suo lavoro, ma che lo crediate voi mi sembra davvero strano. Io rinnovo alla Raggi l'invito a occuparsi di Roma e dei bisogni dei cittadini ma a voi mi permetto di ricordare il vostro passato e le vostre regole fondamentali. Meno male che i 'vecchi' politici erano il peggio: voi che siete i 'giovani', davvero siete sicuri di essere migliori? A me non sembra proprio, ma d'altronde sono una del Pd. E, come si sa, per voi questo è un errore al di là di qualunque contenuto e ciò lo dimostra il fatto che siete riusciti a votare contro la legge sul 'Dopo di noi', che garantisce il sostengo ai familiari dei disabili gravi e gravissimi".  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077