Sabato, 11 Marzo 2017 11:07

Rossi: Renzi deludente, non va oltre se stesso. E Pd perde voti

Scritto da

ROMA - "Renzi non cambia il suo racconto. Niente di nuovo, al di là di qualche elemento ornamentale con il riferimento poco credibile ai 'compagni' e ancor meno a Roosevelt. Deludente, non riesce ad andare oltre se stesso, come dimostra anche l'indagine ipsos, dove Renzi vince meglio quanto più bassa è la partecipazione".

Lo scrive Enrico Rossi, governatore della Toscana e tra i fondatori del Movimento democratici e progressisti, commentando su Facebook l'intervento con cui Renzi ha aperto ieri la manifestazione al Lingotto che apre la sua corsa per la segreteria del Pd. "Insomma - osserva ancora Rossi - Renzi vuole incoronarsi nuovo leader del partito e candidato premier ma intanto il Pd perde consensi. Come dice anche Massimo Franco, l'unico Pd possibile è quello ubbidiente a Renzi. Noi siamo convinti che con questo Lingotto per noi di Movimento Articolo Uno si apre ancora di più uno spazio enorme per costruire una sinistra nuova di ampi consensi". "Aveva ragione Delrio nel fuori onda, Renzi non si è reso conto che con la frattura si è aperta una crepa, come la rottura della diga in California: l'acqua fuoriesce e non la governi più. Noi ci siamo per ascoltare e raccogliere i tanti delusi da questo Pd di Renzi", conclude.  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077