Giovedì, 23 Marzo 2017 10:48

Trattati di Roma. Greenpeace in azione per un'Europa più unita

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, attivisti di Greenpeace sono entrati in azione questa mattina aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni riuniti nella Capitale.

«Vogliamo un’Europa che metta al centro le persone e i non grandi interessi economici, che privilegi i diritti e non i confini, che accolga e non costruisca muri, che punti con più convinzione sull’energia pulita e abbandoni i combustibili fossili», dichiara Luca Iacoboni, responsabile della campagna Clima e Energia di Greenpeace Italia. «In poche parole, non vogliamo che il sogno europeo finisca alla deriva, ma riteniamo necessari degli urgenti cambiamenti, per un’Europa migliore».

Nei prossimi tre giorni tantissime associazioni manifesteranno e si confronteranno per discutere su come costruire un’Europa migliore. Greenpeace si rivolge direttamente ai leader comunitari riuniti a Roma, richiamando in particolare l’attenzione sui cambiamenti climatici, tema su cui l’Unione europea deve mostrare più decisione e leadership a livello globale, virando con maggiore decisione sulle energie rinnovabili. Come hanno dimostrato le recenti tornate elettorali in Austria e Paesi Bassi, l’ambiente è infatti un tema sempre più importante per i cittadini Ue.

«I leader europei devono cambiare drasticamente le proprie politiche, per reagire alle complesse sfide lanciate dai recenti cambiamenti globali», continua Iacoboni. «Occorre riposizionare le persone al centro del progetto europeo. Per questo ci aspettiamo che i leader riuniti in questi giorni non trasformino questo appuntamento in una sterile passerella, ma affrontino tematiche importanti per tutti noi, come la lotta ai cambiamenti climatici e il superamento dell’era dei combustibili fossili», conclude Iacoboni.

Greenpeace prenderà parte alla tre giorni di attività organizzate in tutta la città, che si concluderà con la grande marcia di sabato 25 marzo che partirà alle 11 da Piazza Vittorio Emanuele e si concluderà al Colosseo. Cittadini provenienti da tutta Europa e decine di associazioni riunite nella coalizione “La nostra Europa” daranno vita a una manifestazione per un’Europa unita, democratica e solidale.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077