Giovedì, 06 Luglio 2017 10:54

Greenpeace accoglie Trump a Varsavia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

VARSAVIA – Dopo aver accolto Donald Trump lo scorso mese al suo arrivo a Roma, in occasione del G7, con una proiezione sulla cupola di San Pietro, Greenpeace Polonia e Greenpeace Germania hanno salutato nella notte l’arrivo del presidente Usa a Varsavia, proiettando la scritta “No Trump, Sì Parigi” sulla facciata del Palazzo della cultura e della scienza. 

Il presidente Trump ha annunciato che gli Stati Uniti lasceranno l’Accordo di Parigi ma è isolato in questa decisione. Circa 200 Paesi hanno accettato l’Accordo e non hanno alcuna intenzione di ritirarsi. L’Ue, così come Cina, India e Canada credono che le azioni per proteggere il clima vadano portate avanti indipendentemente dalle decisioni irresponsabili di Trump. Molti Stati americani, a partire dalla California, che rappresenta una delle maggiori economie al mondo, si sono dichiarati contrari alla politica di Trump e hanno confermato i propri impegni nel rispettare l’accordo di Parigi” afferma Luca Iacoboni, responsabile della campagna energia e clima di Greenpeace Italia.

Dopo la visita a Varsavia Trump parteciperà al G20 di Amburgo, nel quale l’Accordo di Parigi sarà al centro dell’agenda. I leader europei hanno dichiarato che terranno fede ai propri impegni sul clima.

Secondo un rapporto commissionato da Greenpeace Germania e reso noto ieri, eolico e solare saranno le fonti energetiche più convenienti in ogni Paese del G20 entro il 2030 al più tardi e già lo sono nella metà dei Paesi. “Non ci sono più scuse. La protezione del clima è sempre più anche economicamente conveniente, dal momento che le rinnovabili sono già oggi più economiche di fonti inquinanti e rischiose come il carbone e il nucleare in molti Paesi” prosegue Iacoboni. “Il G20 ha ora la responsabilità di mandare un segnale chiaro: accelerare sulla transizione energetica è una scelta economica ineludibile”.

La conferma arriva anche dagli investitori: dati delle Nazioni Unite indicano che nel 2016 gli investimenti in rinnovabili sono stati il doppio di quelli in fonti energetiche convenzionali, sebbene le fonti fossili vengano incentivate più di quelle rinnovabili. Circa il 55 per cento della potenza elettrica che è stata installata lo scorso anno è rinnovabile, un vero record. E il costo delle tecnologie rinnovabili è in continuo calo, a dimostrazione che il presente è rinnovabile e il futuro lo sarà ancora di più.

Leggi il rapporto di Greenpeace Germania: www.greenpeace.de/sites/www.greenpeace.de/files/publications/20170705_greenpeace_studie_comparing_electricity_costs_engl.pdf

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: il lato buono del conflitto nelle relazioni interpersonali

il conflitto è una componente naturale e può rivelarsi produttiva nell'ambito delle relazioni interpersonali o professionali, e per comprenderne il valore, in prima battuta, proviamo ad analizzare la questione da...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208