Venerdì, 25 Agosto 2017 18:12

Uova all’ozono: un’alternativa biologica al Fipronil

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

In Europa e in Italia spazio all’ozono nell’industria avicola 

In Europa e anche in Italia è allarme per la contaminazione delle uova dal Fipronil, un potente insetticida industriale. Sul territorio europeo e negli Stati Uniti già da un decennio circa il 40% degli industriali agricoli e avicoli hanno scelto soluzioni biologiche sicure ed efficaci, come l’ozonoterapia applicata in campo industriale, per scongiurare epidemie da parassiti e scorie tossiche, in maniera naturale, con l’utilizzo di un gas presente in natura, riprodotto da generatori ad hoc per sfruttarne le enormi potenzialità antibatteriche, antivirali e antimicotiche prive di effetti collaterali. Al contrario, i primi casi di contaminazione ovaiola sono stati registrati in Olanda e Belgio, con una diffusione a macchia d’olio in circa 17 Paesi europei, tra cui anche l’Italia, con casi nel Lazio, a Viterbo e Acilia e nelle Marche, ad Ancona. Si moltiplicano i controlli sulle importazioni di uova dai Paesi Bassi, dal Belgio e Francia con oltre 91.000 sequestri su uova, allevamenti di galline e semilavorati, ben più difficili da individuare perché privi di riferimenti alla tracciabilità UE sull’origine delle uova. Anche in Italia, nelle Marche, nel Lazio e in Emilia Romagna i carabinieri dei Nas e le Asl hanno individuato campioni positivi a questo disinfettante industriale, utilizzato abitualmente per sconfiggere zecche, parassiti, pulci e pidocchi, il cui uso è severamente vietato in zootecnia avicola e in ambito alimentare. Il Fipronil è accertato esser dannoso per l’uomo e tra gli effetti collaterali riscontrati nei soggetti intossicati oltre a nausea, vomito e malessere, a dosi medio-elevate può compromettere la funzionalità della tiroide, del fegato e dei reni. 

Pertanto, per la disinfezione e sanificazione della filiera avicola è suggerito anche dalle Asl e dal Ministero della Salute di avvalersi di soluzioni alternative e biologiche che non costituiscano residui tossici come l’ozono: molecola triatomica di ossigeno, biologico per natura e dall’alto potere disinfettante e purificante; utilizzato in campo medico, eccellente in campo agricolo-industriale insufflato sia nell’aria che nell’acqua per la sanificazione delle stesse, attraverso sistemi ad hoc brevettati qui dalla Multiossigen SpA, azienda lombarda leader del settore con esperienza pluriennale, per garantire igiene, disinfezione e pulizia dell’aria e dell’acqua degli abbeveratoi negli allevamenti. I costi per l’attivazione e gestione degli impianti specifici sono di facile ammortamento, garantendo così una maggiore redditività all’allevamento ed evitando rischi di epidemie da infestanti (zecche, parassiti, pidocchi) e da virus come quello dell’Aviaria, senza compromettere la qualità delle uova e del pollame. Una nuova etica della produzione che predispone a un consumo più sostenibile, più consapevole per un prodotto finale più sicuro e sano, che sia scevro da qualunque sostanza tossica, per la salvaguardia ambientale, industriale ed ecologica e la salute delle nuove generazioni.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077