Giovedì, 18 Agosto 2011 23:14

Ilva Taranto. Uniti dallo stesso destino: l'inquinamento

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TARANTO - E’ da qualche giorno che diversi tarantini protestano per l’emissione in atmosfera di sostanze tossiche, provenienti dalle raffinerie Eni di Taranto. Diossine, Ipa, Nox, Benzene, So2, NMVOC, cadmio, arsenico, nichel. Ma  l’aria puzza più del solito.


I responsabili, quelli di sempre: Eni ed Ilva, entrambi soggetti alla normativa “Seveso bis/ter” , ma in totale assenza di un  piano di emergenza esterno aggiornato,  che tuteli la popolazione da eventuali incidenti . Il rapporto di sicurezza di Eni raffineria, non è stato ancora validato dal CTR (Comitato Tecnico Regionale), l’organo di controllo che svolge le istruttorie sui Rapporti di Sicurezza, di cui il Comune è anche elemento titolare: il piano di emergenza esterno non risulta ancora completo.


Riascoltiamo per la situazione dell’Ilva Fabio Matacchiera, ambientalista di lungo corso e rappresentante per il Fondo Antidiossina. Nel gennaio del 2011 fece  analizzare mitili di fondo nel Mar Piccolo: in quell’occasione  rilevò una presenza di PCB e Diossine superiore ai limiti, 13,5 picogrammi di PCB e Diossine nelle cozze pescate sui fondali, con punte di 17-18, a fronte di un limite di 8 picogrammi. A distanza di mesi, la conferma dell’Arpa puglia. Fabio Matacchiera ci spiega come il problema  per il grande stabilimento siderurgico non siano solo le emissioni controllate, anzi:  la maggior parte di queste non fuoriescono dai 200 camini, e né attengono a quel solo camino campionato, il famoso  E312, che  più vicino minaccia l’agglomerato urbano.  “ Le emissioni raccolte sono quelle al mattino, solo alcune volte l’anno, solo per otto ore e dietro preavviso.  A meno di una maggiorazione di inieizioni di carboni, che possono abbattere la diossina.” Tutto questo mentre fumi neri e vapori colorati fuoriescono da aree non censite e il carboncoc incandescente si immette nell’aria aperta. Cittadini contro mega impianti, ma non solo:  il Noe, nucleo operativo ecologico  dei Carabinieri  di Lecce,  e  la Procura di Taranto, con i tre P.M  Sebastio, Argentino e  Buccolieri  che non se la sono sentita di mandare al GIP  Todisco la richiesta di sequestro. Si dovrà aspettare quindi la fine delle indagini preliminari dei periti, che avverrà nel febbraio 2012.


“ Per ora stiamo raccogliendo dati sul latte materno, che verranno pubblicati ad ottobre”.  Conclude così Matacchiera, e non ci anticipa nulla di quanto già immaginiamo.
In base a quanto previsto dall’art.50 comma 5, su “Competenze del sindaco e del Presidente della Provincia” e dall’art.54 comma 2, “attribuzioni del sindaco nei servizi di competenza statale”  del Decreto legislativo 267/2000, il Sindaco ha l’onere di garantire la tutela della salute pubblica:  legislazione che evidentemente il primo cittadino deve ignorare.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077