Mercoledì, 07 Settembre 2011 19:57

Intervista a Tony Troya: "il silenzio di Grillo lo rende complice"

Scritto da

PALERMO - Continua a far scalpore il reclamo per violazione di copyright da parte di GrilloStaff che ha provocato l'eliminazione dal canale Youtube del comico Tony Troya. Il comico siciliano però ci spiega come ha digerito quella che da pi paesi è stata definita "censura".



Abbiamo letto su molti giornali "Grillo censore". Chi pensi sia stato davvero a volere questa rimozione?
"In merito a questa vicenda, penso che non sia stato Grillo in persona a chiedere la rimozione del video. Ma questo suo silenzio lo rende complice di un'azione ignobile. "

Parli di azione ignobile. Ma cosa pensi davvero di Beppe Grillo?
"Seguo Grillo da molti anni e continua a piacermi come comico impegnato nel sociale. Mi ha fatto conoscere cose che non sapevo e per questo gliene sono grato. Ma io faccio satira e la satira non può essere di parte. E quello che da più fastidio è vedere gente onesta e per bene, come gli attivisti e sostenitori del Movimento 5 Stelle, essere attorniati da fanatici esaltati, come i grillini pronti a prendere per oro colato tutto quello che Grillo dice. Per non parlare delle enormi falsità dette su me e Massimo Merighi".

Quali?
"Due fra tutte: l'essere stipendiati da IdV e l'aver il dente avvelenato perché non mi è stata data la possibilità di esibirmi al Woodstock 5 Stelle.
Se analizziamo bene la cosa, si può notare che ho fatto più spettacoli organizzati dal Movimento 5 Stelle che per IdV. E per quel che riguarda la mancata partecipazione al Woodstock, non ho mai chiesto niente a nessuno. Anzi, sono stati i grillini e gli attivisti, tutti, a chiedere giorni prima (alcuni anche mesi prima) all'entourage di Grillo di farmi esibire."

Dunque sei già abbastanza noto all'entourage di Grillo…
"C'è chi insiste nel dire che il mio "successo" è dovuto proprio al Movimento 5 Stelle. Purtroppo (e mi duole dirlo) sono arrivato al "successo" grazie al popolo viola e al fantomatico San Precario."

Dunque hai conosciuto San Precario? L'innominabile innominato?
"No, non ho mai conosciuto personalmente San Precario."

Dopo la censura che hai dovuto subire cos'è che davvero cerchi di contrastare?
"Il nostro non è assolutamente un attacco alle PERSONE del Movimento. Ma gli elementi che lo compongono (persone oneste e che vogliono davvero cambiare le cose) sono circondati da un comico che, con le sue offese gratuite a politici (quindi avversari politici del M5S) rende poco credibile proprio il Movimento, anche perché quello che si legge sul logo è anche e soprattutto beppegrillo.it. Un sito edito da un editore (Casaleggio) che ha le mani in pasta dappertutto. E la nostra satira non va ai buoni del M5S per screditarli ma per fargli capire che ci sono persone che remano contro pur essendo sulla stessa barca."

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208