Sabato, 10 Settembre 2011 18:59

No Tav. Maroni: "Si ha intenzione di uccidere"

Scritto da

ROMA - Il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha confermato la volontà di andare avanti con i cantieri per il Tav, e ha sottolineato che gli oppositori violenti saranno affrontati con fermezza. "I cantieri andranno avanti, questi qua si rassegnino perché l'opera continuerà", ha sentenziato il ministro.

"Ho sentito che il sindacato di polizia Sap dice che questi hanno intenzione di uccidere: io temo sia così, perché quando si prendono le bombe carta, le
molotov, i massi da lanciare addosso a poliziotti e carabinieri si ha intenzione di uccidere. Lo avevo detto e lo ribadisco, questa e' la mia opinione". Maroni ha confermato la linea dura contro gli chi ostacolerà i lavori nei cantieri: "Siamo assolutamente determinati e in grado di gestire la situazione "
Il ministro ha poi aggiunto che ha ricevuto "una serie di valutazioni" dalla prefettura di Torino secondo le quali formulera' delle "valutazioni", anche perche' "seguiamo ora per ora l'evoluzione della situazione in Val di Susa".

Quanto all'allarme 11 settembre, Maroni si è detto "non preoccupato": "E' stata diramata dal Viminale una circolare per aumentare i controlli, ma non c'e' una minaccia specifica".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077