ITALIA
Bruna Alasia

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

ROMA – E’ in scena in questi giorni al teatro Quirino di Roma e consegue un successo meritatissimo “Sorelle Materassi”, capolavoro letterario di Aldo Palazzeschi, nell’adattamento di Ugo Chiti per la regia di Geppy Gleijeses con le bravissime Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati.

"Sorelle materassi” è la vicenda di quattro donne che tirano avanti in maniera routinaria in una casa piuttosto isolata nei pressi di Firenze: tre consanguinee con la loro governante. Delle tre, Teresa e Carolina sono nubili, Giselda la più giovane vive con loro perché è stata rifiutata dal marito. Teresa e Carolina passano tutto il tempo a ricamare e cucire e la gioia più grande della loro monotona esistenza è occuparsi del ventiduenne nipote Remo (il bravo Gabriele Anagni), figlio di una quarta sorella che è morta. Remo, aitante e fascinoso, si rende conto di essere il beniamino delle vecchie zie, innamorate di lui pur senza esserne consapevoli e ne approfitta per esaudire tutti i suoi desideri. Il nipote, ad esempio, arriva al punto di segregarle forzatamente in uno sgabuzzino per obbligarle a firmare delle cambiali. La sorella più giovane, l’unica a non subire il fascino del ragazzo, mette in guardia le altre dal pericolo di essere sfruttate e finire sul lastrico …

Si ride e si sorride perché l’adattamento di Ugo Chiti non ha gli accenti della tragedia, racconta l’estenuante tran tran quotidiano, privo di via d’uscita e consapevolezza, delle “Sorelle Materassi”, rendendo commovente la loro vita, indifesa e dissennata nonostante la morigeratezza di autentiche beghine, avviate ad appassire anzitempo senza essere sbocciate. Una realtà che tutt’oggi, malgrado i grandi mutamenti della condizione femminile, continua a esistere. 

Benché la scenografia non cambi, se non per poche variazioni come uno spostamento di mobili o una disposizione di fiori, la pièce scorre con ritmo intenso, si fa seguire con levità, tiene alto l’interesse attraverso i moti del cuore recitati con grande maestria. Da non mancare. 

Fino al 3 dicembre

Gitiesse Artisti Riuniti

in collaborazione con Festival Teatrale di Borgio Verezzi

LUCIA POLI   MILENA VUKOTIC 

MARILÙ PRATI

SORELLE MATERASSI
libero adattamento di Ugo Chiti

dal romanzo di Aldo Palazzeschi
con Gabriele Anagni   Sandra Garuglieri
Gian Luca Mandarini  Roberta Lucca  


scene Roberto Crea
costumi Ilaria Salgarella   Clara Gonzalez   Liz Ccahua
coordinate da Andrea Viotti
(Accademia Costume&Moda, Roma - 1964)

luci Gigi Ascione
musiche Mario Incudine


regia GEPPY GLEIJESES

personaggi e interpreti
Teresa
Lucia Poli
Carolina Milena Vukotic
Giselda Marilù Prati
Remo Gabriele Anagni
Niobe Sandra Garuglieri
Palle Gian Luca Mandarini
Peggy Roberta Lucca

ORARI SPETTACOLI
da martedì a sabato ore 21
domenica ore 17
giovedì 23 e giovedì 30 novembre ore 17
mercoledì 29 novembre ore 19
sabato 2 dicembre ore 17 e ore 21

INFO
botteghino 06.6794585
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

segreteria 06.6783042 int.1
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PREZZI mar / mer / gio / ven / sab. pomeriggio

 

intero

 

ridotto

platea

€ 30,00

 

€ 27,00

I balconata

€ 24,00

 

€ 22,00

II balconata

€ 19,00

 

€ 17,00

galleria

€ 13,00

 

€ 12,00

PREZZI sab. sera / dom

 

intero

 

ridotto

platea

€ 34,00

 

€ 31,00

I balconata

€ 28,00

 

€ 25,00

II balconata

€ 23,00

 

€ 21,00

galleria

€ 17,00

 

€ 15,00

Un film che racconta la paura di invecchiare, tema universale. Blandine Lenoir, la regista, essendo donna e vivendo in una società in cui la perdita dell’appeal fisico penalizza soprattutto il suo sesso, ne rileva con ironia gli aspetti di genere e, allo scopo, inserisce un’intervista reale dell’antropologa ed etnologa femminista Françoise Héritier che spiega come sopraggiunta la menopausa, fino a poco tempo fa l’esistenza di una donna s’interrompesse. 

ROMA – Gli ottoni sono strumenti difficilissimi da suonare, perché risentono delle condizioni climatiche e abbisognano di esecutori espertissimi, queste le parole con le quali è stata introdotta al teatro Quirino la cellula fondante degli Ottoni Pentaphon, gruppo musicale che accompagna le celebrazioni in Vaticano alla presenza del Santo Padre.

 “L’Umanità al bivio. I passi verso la Nazione Umana Universale” raccoglie il pensiero filosofico di Guillermo Sullings, convinto sostenitore di un processo d’integrazione tra i paesi, dove i popoli animati da sincero spirito di cooperazione costruiscano una società autenticamente democratica, libertaria, non violenta, in altre parole una Nazione Umana Universale. 

ROMA – La FE.I.C.O.M. - Federazione Italiana Comunicatori e Operatori Multimediali - con il patrocinio di: Ministero della Giustizia, RAI – Radiotelevisione Italiana e MSN (piattaforma di contenuti di Microsoft), ha organizzato un panel, moderato da Myrta Merlino, sul tema “La comunicazione multimediale tra web e social media: innovazione, rischi e nuove professioni”, svoltosi presso la Sala del Mappamondo della Camera dei Deputati.  

ROMA – Ogni domenica mattina alle ore 11.00, fino al 17 dicembre, il Teatro Quirino inaugura una stagione nuovissima che offre un intrattenimento concertistico di alto livello. 

Nel 2015 il direttore artistico dell’Opera di Parigi, Stéphane Lissner, si accinge a presentare la nuova stagione, quando improvvisamente uno sciopero dei lavoratori sconvolge i suoi piani. Anche questa importante istituzione, che per molti è solo un miraggio, ha risentito della crisi e i tagli alla forza lavoro sono stati numerosi, la competizione è più accesa e i protagonisti si avvicendano.

La tecnologia è nei fatti più evoluta del nostro cuore e della nostra psiche, ci illudiamo di avere molte cose sotto il nostro controllo ma i meandri dell’animo umano restano misteriosi: lo dimostrano Pascale Chapaux Morelli ed Eugenio Murrali nel saggio “Vincere le delusioni – Contromosse per superarle e non farsi avvelenare la vita”, edito da Feltrinelli.

ROMA (nostro inviato) "I Tonya" è un film biografico sulla pattinatrice olimpionica – la sola americana in grado di eseguire un’acrobazia difficilissima chiamata triple axel - Tonya Harding accusata, insieme all'ex marito, dell'aggressione alla rivale Nancy Kerrigan.

ROMA (nostro inviato) “Una questione privata”, tratto dal romanzo di Beppe Fenoglio, è un film dei fratelli Taviani scelto per il concorso ufficiale della festa di Roma. Il pubblico ha dimostrato di apprezzare, anche se qualche spettatore lamentava una certa lentezza.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077