Giovedì, 19 Maggio 2016 16:26

Professione, Assistenti sociali: “ancora aggressioni, paghiamo le conseguenze di un diffuso clima di tensione”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

L’ultimo episodio in Toscana, dove un’assistente sociale è stata colpita con numerosi pugni; un'altra – pochi giorni prima - sequestrata per un’ora in una città del Mezzogiorno

ROMA -  “L’ultimo episodio, in ordine di tempo, è avvenuto in Toscana, a Prato, pochi giorni fa, quando un’assistente sociale in servizio presso la locale Asl è stata prima aggredita verbalmente e poi colpita violentemente più volte al volto da una cittadina in carico ai Servizi dovendo poi ricorrere alle cure dei sanitari. Un episodio che si affianca ad altri già visti in molte regioni del nostro Paese: almeno cinque nelle ultime settimane riportati dalla stampa per la loro gravità. Questi episodi mostrano chiaramente come contro questi professionisti si scarichino tensioni, malumori e aspettative disattese in modalità che sempre più frequentemente prendono la forma di aggressioni fisiche con danni a volte gravi e permanenti.”

Così Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio nazionale degli Assistenti sociali sulle recenti aggressioni subite contro colleghi dei Servizi sociali.

“Nei nostri servizi si scarica evidente la sfiducia e la rabbia dei cittadini nei confronti delle istituzioni. Paghiamo le conseguenze – dice ancora Gazzi - di un diffuso clima di tensione che, in un crescendo che sembra fuori controllo, circonda il lavoro di quanti operano nei Servizi sociali. Episodi che mostrano, ancora una volta, come sia anche necessario attivare nuovi sistemi organizzativi e strategie metodologiche per il trattamento dei casi più delicati e potenzialmente più pericolosi così da gestire meglio le criticità, oltre che l’ormai ineludibile necessità di investimenti in risorse professionali e in servizi.”

E sull’episodio di Prato interviene anche la Presidente dell’Ordine degli Assistenti sociali della Toscana, Laura Bini.

“A questo episodio se ne affiancano altri, accaduti sempre in Toscana. Episodi che non sembrano scuotere le coscienze e le sensibilità dei cittadini e degli stessi operatori dell’informazione: troppe volte, infatti, vengono derubricati a banali liti che degenerano, con una sottolineatura ulteriormente riduttiva quando accompagnati da un colorito “tra donne”, se le protagoniste – come nel caso di Prato – sono, per l’appunto, due donne. Siamo in presenza, invece, di episodi che testimoniano sofferenza e tensioni sociali ma anche un clima di squalifica che troppe volte circonda il nostro lavoro e che le istituzioni farebbero bene a non sottovalutare.”

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077