Giovedì, 18 Maggio 2017 11:50

Borghezio condannato a pagare 50mila euro per frasi razziste contro Cecile Kyenge

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO  - I giudici della quarta sezione penale di Milano hanno condannato l'europarlamentare Mario Borghezio per aver pronunciato alcune frasi razziste contro Cecile Kyenge.

I giudici hanno stabilito che l'esponente della Lega Nord deve risarcire l'ex ministro con 50mila euro, oltre a dover pagare le spese legali sostenute dalla Kyenge, che si è costituita parte civile. Borghezio, a cui sono state riconosciute le attenuanti generiche, è stato condannato per discriminazione razziale a una multa di mille euro e al pagamento delle spese legali. Le motivazioni della sentenza saranno depositate tra 90 giorni. Al centro del processo le frasi pronunciate da Borghezio durante la trasmissione radiofonica 'La Zanzara' del 29 aprile 2013 in cui rispondendo a una domande del conduttore ha sostenuto che "gli africani sono africani e appartengono a un'entità molto diversa dalla nostra". 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Cate Blachett: “Quale Presidente di giuria non posso che sentirmi umi…

CANNES - L’attrice australiana Cate Blanchett presiederà la 71ma edizione del festival di Cannes che cadrà nel maggio 2018. “Torno a Cannes dopo anni come attrice e produttrice, per le...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077