Mercoledì, 07 Giugno 2017 14:20

Riina: boss in videoconferenza per udienza strage

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

FIRENZE - Toto' Riina e' collegato in videoconferenza dal carcere di Parma con il tribunale di Firenze dove poco fa si e' aperta l'udienza per il processo davanti alla corte d'assise d'appello di Firenze per la strage del treno 904. Il boss, che segue l'udienza disteso su una barella, e' imputato come mandante della strage che il 23 dicembre 1984 causo' 16 morti e 260 feriti sul convoglio Napoli-Milano.

In aula non e' ancora arrivato il suo difensore di fiducia Luca Cianferoni, attualmente sostituito dall'avvocato Valentina Ferri. Proprio Cianferoni oggi dovrebbe fare la sua arringa difensiva dopo quelle delle parti civili. In aula sono presenti anche alcuni dei feriti della strage e la presidente dell'Associazione vittime del rapido 904, Rosaria Manzo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Vademecum del festival

CANNES - Nel 2018 il festival di Cannes si svolge dall'8 al 19 Maggio e compie settantuno anni, tanto che molte testate per brevità lo definiscono anche Cannes71.  Cittadina del...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

Surriscaldamento globale. L’oceanologo Furio Ruggiero : “I nostri discendenti si…

Checché ne dica il presidente americano Trump, che nega il fenomeno del surriscaldamento globale, la temperatura media della terra è in costante aumento, i ghiacciai si sciolgono, il livello degli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Come difendersi dalle furbizie del mercato. Incontro con Massimiliano Dona, pres…

Le aziende fornitrici di servizi pubblici che mandano le bollette di pagamento ogni 28 giorni, inventandosi così il tredicesimo mese dell’anno, e di fatto aumentano le tariffe. Le compagnie telefoniche...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077