Martedì, 13 Giugno 2017 19:37

Non tutelarono donna poi uccisa: condannati 2 pubblici ministeri del Catanese

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MESSINA  - Il Tribunale civile di Messina ha condannato due ex pm della Procura di Caltagirone per non avere garantito la tutela di una donna, Marianna Manduca, uccisa dal marito a Palagonia nel 2007 nonostante la vittima avesse presentato ben 12 denunce nei confronti dell'uomo prima di essere assassinata.

A risarcire i tre figli della donna, adottati successivamente da un cugino della signora, sarà la Presidenza del Consiglio dei ministri che dovrà sborsare 300mila euro. L'assassino, Saverio Nolfo, è stato condannato a 20 anni e oggi sta scontando la condanna. Per il Tribunale, che ha applicato la norma sulla responsabilità civile dei magistrati, questi non avrebbero fatto quanto in loro potere per evitare l'omicidio. La Presidenza del Consiglio potrà rivalersi sui magistrati.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077