Martedì, 13 Giugno 2017 19:37

Non tutelarono donna poi uccisa: condannati 2 pubblici ministeri del Catanese

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MESSINA  - Il Tribunale civile di Messina ha condannato due ex pm della Procura di Caltagirone per non avere garantito la tutela di una donna, Marianna Manduca, uccisa dal marito a Palagonia nel 2007 nonostante la vittima avesse presentato ben 12 denunce nei confronti dell'uomo prima di essere assassinata.

A risarcire i tre figli della donna, adottati successivamente da un cugino della signora, sarà la Presidenza del Consiglio dei ministri che dovrà sborsare 300mila euro. L'assassino, Saverio Nolfo, è stato condannato a 20 anni e oggi sta scontando la condanna. Per il Tribunale, che ha applicato la norma sulla responsabilità civile dei magistrati, questi non avrebbero fatto quanto in loro potere per evitare l'omicidio. La Presidenza del Consiglio potrà rivalersi sui magistrati.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077