Giovedì, 22 Giugno 2017 15:39

Femminicidio a Teramo: l'assassino si suicida, scoppia il caso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TERAMO  - Si e' impiccato il presunto assassino dell'oncologa Ester Pasqualini, uccisa mercoledi' sera a Teramo.

Il corpo senza vita di Enrico De Luca, 65enne ex investigatore privato che da tempo perseguitava la donna, e' stato scoperto in un appartamento di cui aveva la disponibilita' a Villa Rosa, sul litorale adriatico, vicino alla cittadina in cui risiedeva, Martinsicuro. Davanti casa era stata ritrovata la Peugeot 106 bianca con cui era fuggito dall'ospedale Val Vibrata di Sant'Omero, dopo aver infierito con un coltello contro la 53enne dottoressa che tormentava da anni con appostamenti e pedinamenti. Un delitto orribile, compiuto con una rucola con cui ha inflitto fendenti alla gola e alla nuca della donna che aveva avuto in cura suo padre. I carabinieri hanno trovato il cadavere dell'ex detective in camera da letto: si era strangolato con una fascetta elettrica autostringente legata alla spalliera del letto, probabilmente appena tornato dall'omicidio. La vittima, Ester, viveva da sola in un villino con i due figli di 11 e 16 anni, dopo aver perso il compagno per un infarto due anni fa. Aveva denunciato due volte per stalking quell'uomo che era ossessionato e la perseguitava senza che avessero mai avuto la minima relazione, ma la denuncia era stata archiviata. Proprio la mancata protezione della dottoressa ha riaperto il dibattito sullo stalking e sulf emminicidio, di cui spesso in Italia non vengono colti i segnali d'allarme. "Questa vicenda per noi e' una grande sconfitta", ha detto il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, "l'imperativo e' la sollecitazione a tenere alta l'attenzione su queste vicende. Le vittime devono essere i soggetti primari della nostra attivita', soprattutto nei reati di genere". La Direzione Generale della Asl di Teramo, ha espresso cordoglio ai familiari di Ester Pasqualoni, in particolare ai figli e all'anziana madre, senza dimenticare i suoi pazienti che, "con lei, hanno perso non solo il medico, ma anche un'amica sempre pronta ad ascoltarli". In una nota la dottoressa e' definita "un baluardo" dell'ospedale in cui operava perche', "consapevole della fragilita', soprattutto psicologica, dei suoi malati, assicurava ad ognuno di loro un sorriso, parole di conforto e la sua presenza costante, anche fuori dall'orario di servizio, mostrando una straordinaria dedizione al lavoro".  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077