Martedì, 31 Gennaio 2012 13:14

A Napoli la Camorra impone il coprifuoco

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Roma - E’ in atto una guerra tra clan a Napoli, dall’inizio dell’anno i morti sono 5 e la faida è come sempre per contendersi le piazze di spaccio. Così nelle aree a nord della città, Scampia e Melito, le famiglie camorriste in lotta, andando a minacciare porta a porta, impongono l'ordine del coprifuoco: negozi chiusi prima delle otto di sera. Prima delle 22 invece i bar, le donne devono limitare le uscite di giorno ed evitare categoricamente quelle di sera. La zona rossa va da Via Monterosa alla zona popolare di Secondigliano sino al rione Don Guanella e a Miano. Nel territorio del crimine i cittadini sono costretti ad osservare scrupolosamente le regole della Camorra, non è possibile trasgredire.

Scampia è uno dei quartieri più popolosi della capitale partenopea, edificato 30 anni or sono, come zona 167 (edilizia popolare), è stato reso celebre dal degrado e dall’alto tasso di disoccupazione (ha il primato per Napoli). La criminalità organizzata, ha trovato nella alta densità di persone in precarie condizioni socio-economiche, degli immensi edifici “Le Vele”, un terreno fertile per tutti i suoi traffici, complice l'assenza dello Stato e della legalità. Gomorra è il film del 2008 diretto da Matteo Garrone, basato sul best-seller omonimo di Roberto Saviano ambientato proprio alle Vele, che ha fatto conoscere al grande pubblico i meccanismi di asservimento alla Camorra, di tutti gli abitanti di quelle zone.

Dal 2008 ad oggi nulla è cambiato e le Forze dell’Ordine sono impotenti senza l'affiancamento di una politica sociale ed economica, per la risoluzione delle tante problematiche presenti. Il fenomeno del traffico della droga a Scampia ha raggiunto livelli enormi oggi, alimentando e facendo crescere lo strapotere della malavita.

Poca rilevanza è stata data alla notizia, se non dalla stampa locale, mentre sul posto nessuno osa protestare. Solo su Twitter nasce un movimento #occupyscampia, per opporsi, catalizzare l’interesse di tutti, mobilitarsi e cercare di trovare il coraggio di manifestare, contro l’impressionante capacità del malaffare, di controllare la vita degli inermi cittadini.

Sotto l’egida dei clan Di Lauro, Abbinate - Abate, Amato - Pagano e Licciardi, vivono duecentomila persone. Come truppe di occupazione le facce dei malviventi girano in pattuglie per la zona, si racconta online, per tenere sgombre le strade e per individuare meglio e all’istante la presenza dei nemici. Senza errori che attirino l’attenzione di polizia e carabinieri che potrebbero intervenire a presidiare il territorio.

L’illegalità è solida e vincente, Napoli e l’Italia tutta, ne escono sconfitte e meschine.

Last modified on Martedì, 31 Gennaio 2012 19:51

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Coaching e Creatività, sinonimi di Innovazione e Sostenibilità

La scorsa settimana sono stata ad un evento interessante, organizzato da Labozeta (http://www.labozeta.it/ ), azienda specializzata sulla sicurezza dei laboratori digitali, e l’Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208