Martedì, 24 Maggio 2016 16:30

Calcio. Omicidio Esposito, De Santis condannato a 26 anni

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - I giudici della terza sezione della Corte di Assise di Roma hanno condannato l'ultra' della Roma Daniele De Santis a 26 anni di reclusione per l''omicidio del tifoso napoletano Ciro Esposito, ferito nella Capitale il 3 maggio 2014 prima della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli e morto dopo 53 giorni di agonia al policlinico Gemelli. Per De Santis, presente in aula, i pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio avevano chiesto l''ergastolo.

I giudici della Terza sezione della Corte d''Assise di Roma hanno condannato anche a otto mesi Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, due tifosi napoletani che erano accusati di rissa. I giudici con la sentenza hanno disposto, per quanto riguarda la posizione di De Santis, una provvisionale in favore dei familiari di Ciro Esposito di 140mila euro. Ma non solo.  De Santis dovrà risarcire anche il Comune di Napoli. Nel dispositivo, infatti, i giudici scrivono che l'imputato è condannato "al risarcimento dei danni da liquidarsi in separata sede nei confronti del Comune di Napoli nonché alle spese di costituzione e difesa che liquida in euro 6.300". Nei confronti di 'Gastone' la procura di Roma contestava i reati di omicidio, rissa, lesioni, porto e detenzione di arma da fuoco e possesso di materiale esplodente. De Santis è stato condannato, inoltre, "al pagamento delle spese processuali e di custodia cautelare" e per lui è stata disposta" l'interdizione "in perpetuo dai pubblici uffici e legalmente durante la pena". I giudici hanno disposto "il pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva in favore di Antonella Leardi e Giovanni Esposito per una ammontare di 50 mila euro ciascuno e in favore di Michele e Pasquale Esposito, ammontante a 20mila euro ciascuno”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077